Per la prima volta dal 1991 il Masters di F.3 di Zandvoort non si terrà. Questo il risultato dettato dal cambio di data della tappa olandese del campionato Gran Turismo tedesco. Infatti l'Adac Gt Masters già nel 2015 e 2016 aveva ospitato nel suo weekend lo storico evento in prova unica, che di fatto era nato come "coppa europea" per permettere ai partecipanti dei vari campionati nazionali di sfidarsi.

L'evento quindi si sarebbe dovuto tenere il 23 luglio, ma questo sarebbe andato a cozzare con il divieto per team e piloti dell'Europeo di F.3 di provare sulle piste su cui si correrà. Infatti da anni la terza serie Fia non manca di andare a correre in Olanda sullo storico tracciato a nord di Amsterdam, e questa stagione la tappa si terrà ad agosto.

Questo non permetterebbe ai partecipanti dell'Europeo di prendere parte all'evento, e quindi accorcerebbe in maniera improponibile l'elenco iscritti, oltre a perdere praticamente tutti i nomi più interessanti ed importanti della categoria.

L'organizzatore Barry Bland non è riuscito a trovare un altro weekend disponibile in cui svolgere la gara, da qui la decisione di annullare l'edizione 2017. Scartata anche l'ipotesi di tornare a Zolder, come avvenuto nel 2007 e 2008 per problemi di rumore, visti contratti con il circuito dell'organizzazione e del fornitore di pneumatici Kumho.

«La gara non si svolgerà quest'anno, ma è soltato una pausa dovuta ai divieti imposti dai regolamenti FIA. Avremmo dovuto programmare il Masters dopo l'evento di campionato della Formula 3, ma l'appuntamento di Zandvoort quest'anno si svolgerà ad agosto e non abbiamo trovato altre date disponibili. I team che abbiamo contattato ci hanno espresso la loro volontà di partecipare al Masters, ma le normative della FIA sono molto restrittive a riguardo. Speriamo che si tratti di una pausa di un solo anno in modo da poter ottemperare alle regole della Federazione in futuro» ha commentato Barry Bland, lo storico organizzatore dell'evento.

Bland ha anche pensato di aprire le porte dell'evento alle monoposto dell'EuroFormula Open, l'ex campionato spagnolo di F.3, che utilizza l'attuale telaio Dallara ed un motore Toyota uguale per tutti. «Abbiamo spinto per far inserire nel regolamento sportivo un'altra classe di vetture. Questo credo avverrà alla stesura delle norme per il 2018 in modo da avere la flessibilità che richiediamo».

Quindi, dopo 26 edizione consecutive, si avrà il primo buco in un albo d'oro che accoglie nomi come David Coulthard, Pedro Lamy, Jos Verstappen, Tom Coronel, Takuma Sato, Lewis Hamilton, Paul di Resta, Nico Hülkenberg, Vallteri Bottas (unico assieme a Felix Rosenvist ad averlo vinto due volte), Max Verstappen ed Antonio Giovinazzi...