Oschersleben. Domenica di resurrezione per Gianni Morbidelli, che a Oschersleben, dopo la pole di ieri, ha colto ben due successi strepitosi, portando a casa le prime vittorie della stagione per il West Coast Racing. In grandissima forma e finalmente al volante di una Golf competitiva, il pesarese non ha sbagliato nulla in gara-1, partendo bene dalla pole e mantenedo tutti sotto controllo anche dopo il periodo di safety-car per il contatto fra Vernay e Tassi, rimasto bloccato nella ghiaia. Morbidelli ha preceduto Lloyd sulla Seat Bamboo, Huff (Vw Leopard), Nash (Seat Bamboo) e il compagno Giacomo altoè, ottimo quinto.

Ben più brillante, però, il successo in gara-2, dove Morbido partiva dalla decima posizione. Momenti drammatici al via, quando Colciago e Oriola prendono in sandwich Vernay innescando una paurosa carambola, che mette ko anche Nash, Altoè, Engstler e Paulsen. Portati al centro medicio per controlli, i due italiani, Colciago e Altoè, vengono dimessi rapidamente, doloranti ma interi. Al secondo via, precede tutti l’Opel di Mato Homola, che precede Vernay, Lloyd e Morbidelli. Lo slovacco sembra lanciato verso il primo successo dell’Astra, ma un grande Morbidelli, dopo aver superato Lloyd e Vernay con due gran sorpassi, mette a segno la mossa vincente a due curve dalla bandiera a scacchi. “E’ stata una giornata incredibile, che ci ripaga di tante amarezze, e possiamo sentirci fieri”, dirà sobriamente dopo la gara...