Monza – La stagione del TCR Italy è ripartita dal circuito brianzolo, esattamente dove si era disputato l’ultimo round dello scorso anno, ma con tanti volti nuovi e cambi di casacca.

Al termine delle due gare da 25’ più un giro, sul gradino più alto del podio si sono alternati il diciannovenne russo Klim Gavrilov in gara1 e il gentleman driver Enrico Bettera in gara2. Entrambi i piloti hanno corso sull’Audi RS3 LMS, imbattibile questo weekend a Monza.

In tutte e due le occasioni alle spalle della RS3 LMS si è piazzata  la Cupra del campione in carica Salvatore Tavano: due piazzamenti importanti, che valgono al campione in carica ai vertici della classifica generale.

Sul terzo gradino del podio, invece, si sono alternati due piloti molto giovani: Matteo Greco, 20 anni, sulla Cupra in gara1, e Jacopo Guidetti sull’Audi in gara2 in ex acquo con Marco Pellegrini. Guidetti ha soltanto 16 anni: il più giovane pilota schierato in una gara di turismo in Italia e di conseguenza anche il più giovane ad essere salito sul podio del TCR.

GARA 1

Al via il poleman Bettera commette un’esitazione e Greco è bravo ad approfittarne: va al comando inseguito da Gavrilov e poi Mugelli. Il pilota della Alfa Romeo di PRS Motorsport si porta in seconda posizione al secondo giro per poi passare a duellare con Gavrilov. Il russo è il più determinato e riguadagna la seconda posizione. La lotta fra Mugelli e Tavano esita in un contatto di gara, con Mugelli che dechappa ed è costretto ad un passaggio ai box. Al terzo giro l’Audi di Gavrilov affianca la Cupra di Greco e va al comando. Alla quarta tornata Tavano ha la meglio su Greco che poco dopo si ritrova Pellegrini in scia. All’ottavo passaggio è Guidetti a salire in quarta posizione alle spalle di Greco e davanti a Wimmer. Finale incandescente anche per la terza posizione con Greco che si ritrova Guidetti sempre più vicino ed autore del giro più veloce. Il ritmo continua serrato, ma le posizioni non mutano fino alla bandiera a scacchi che sancisce la vittoria del russo Klim Gavrilov davanti a Tavano, Greco, Guidetti, Wimmer, Nardilli e Bergonzini, primo delle DSG.

GARA 2

In gara2 Enrico Bettera prende il via dall’ottava posizione in virtù del nuovo regolamento che inverte le prime otto posizioni delle qualifiche mentre l’austriaco Felix Wimmer parte dalla pole. Con la complicità delle gomme da asciutto su una pista ancora umida per la pioggia del mattino, Enrico Bettera al volante della Audi RS3 LMS, rimonta velocemente, con in scia Salvatore Tavano, sulla Cupra di Scuderia del Girasole by Cupra Racing. I due impiegano poche tornate a riprendere il fuggitivo Max Mugelli, su Audi, partito invece con le gomme da bagnato. Peccato per il contatto che compromette la sua gara: subito dopo aver ceduto la prima posizione, infatti, il toscano viene centrato da Klim Gavrilov, vincitore di gara 1. Il russo è costretto al ritiro, così come Matteo Greco, anche lui incolpevole nel contatto fra le tre auto. Mugelli tornerà ai box per cambiare uno pneumatico dechappato e chiudera decimo.

Sul terzo gradino del podio salgono in ex aequo due piloti: Jacopo Guidetti, sulla Audi di BF Motorsport, terzo sul traguardo, ma raggiunto al millesimo di secondo da Marco Pellegrini dopo la penalizzazione inflittagli per un contatto di gara viene.

Le dichiarazioni

Quinto assoluto e primo per il Trofeo Nazionale DSG è Matteo Bergonzini.

BETTERA EMOZIONATO - “Al via di gara 1 ho sbagliato completamente la partenza, è stata l’emozione della pole, non sono abituato a partire davanti e non l’avevo mai provata né nelle libere né nelle qualifiche”, ha detto Enrico Bettera, che nella vita fa l’imprenditore. "Poi ho iniziato a rimontare ma ho avuto problemi alla centtralina che ha cominciato a tagliare, andava a tre cilindri e mi sono dovuto fermare. Devo ringraziare Salvatore Tavano, che oggi è stato un rivale correttissimo, meno male che avevo dietro lui e non qualche altro, altrimenti avrebbe potuto finire diversamente”, ha detto Bettera.

TAVANO IN VETTA - “Lo shakedown della nuova Cupra Leon è avvenuto nelle prove libere qui a Monza”, ha detto Salvatore Tavano, portacolori del team Scuderia del Girasole by Cupra Racing.  Abbiamo fatto un ottimo lavoro, ma in questo weekend su questa pista non potevamo fare di più. Siamo comunque contenti di questi due secondi posti ed è stata una bella emozione scendere in pista per la prima tappa a Monza, perché è qui che ho conquistato il titolo alla fine della scorsa stagione”, ha detto Salvatore Tavano alla fine di gara2.

Qui la classifica di gara1.

Qui la classifica di gara2.