GAP - Thierry Neuville ci crede ed ha fatto segnare al volante della nuova Hyundai i20 Wrc la metà degli scratch nelle sei speciali disputate oggi all’85° Rally di Montecarlo. Solo Tanak e due volte Ogier sulle Ford Fiesta Wrc della MSport sono stati capaci di rompere l’egemonia del pilota belga che, alla fine di questa seconda tappa, guida la gara con un vantaggio di 45”1 su Ogier e 45”4 su Tanak, mentre Latvala (Toyota) è quarto ad oltre due minuti seguito dalla Hyundai di Sordo.

Da segnalare che Sébastien Ogier questa mattina aveva perso 43”2 nella prima prova per un’uscita di strada al rallentatore, dopo la quale ha dovuto aspettare l’arrivo dei tifosi per riportare in strada la sua Ford Fiesta, permettendogli così di continuare la corsa. Poi Kris Meeke ha staccato una ruota nella seconda speciale di questa mattina e si è dovuto fermare così come Hanninen, che sulla seconda Toyota è finito fuori strada nel terzo crono quando era terzo assoluto.

“La gara è ancora lunga e difficile – ha dichiarato il leader Neuville a fine giornata –. Devo dire comunque che questo pomeriggio ho preferito non prendere troppi rischi. Ora prepariamoci ad altre due tappe complicate ed impegnative, 45” non sono infatti un vantaggio che può farci dormire sonni tranquilli in una gara così infida come questa”.

RALLY DI MONTECARLO, SPETTATORE MUORE TRAVOLTO: VIDEO

Nel Wrc 2 guida sempre Mikkelsen (Skoda Fabia R5) davanti a Bouffier (Ford) e all’altra Skoda ufficiale di Kopecky, mentre nel Wrc 3 è saldamente in testa il velocissimo francese Aster (Peugeot 208 R2).

Tra le R-GT guida Delecour sulla 124 Abarth davanti alla Porsche di Romain Dumas, mentre Fabio Andolfi che stava andando benissimo (era nella top 20) è uscito di strada nell’ultima speciale e si è dovuto così ritirare. Tra gli altri italiani nonostante qualche problema bene Crugnola che è 18° assoluto, 7° di Wrc 2 e primo della pattuglia tricolore, seguito da Luca Panzani che è secondo di Wrc 3 e primo tra le Renault Clio.

Domani è in programma la terza tappa (Gap-Monaco) che prevede 121,39 km cronometrati. A sorpresa mancherà dopo tanti anni lo storico crono di Sisteron, le speciali in programma saranno quindi quelle di Lardier et Valenca (31,17 km) e La Batie Monsaleon (16,78 km) ripetute due volte, a cui si aggiungerà a fine giornata la prova di Bayons (25,49 km). I piloti arriveranno al porto di Montecarlo in serata alle 21.11, poi la mattina di domenica ripartiranno per la tappa finale di soli 53,72 km cronometrati.

Questa la classifica a fine seconda tappa dopo 8 prove speciali:
1. Neuville in 2.05’24”6
2. Ogier a 45”1
3. Tanak a 45”4
4. Latvala a 2’09”7
5. Sordo a 2’57”8
6. Breen a 3’04”1
7. Mikkelsen a 5’50”8
8. Evans a 8’12”1
9. Tidemand a 8’22”4
10. Kopecky a 8’38”2