Tragico incidente al rally Città di Torino, gara valida per il campionato regionale. A Coassolo, all'altezza di una curva, una vettura del team Skoda Biella è uscita di strada e ha travolto alcuni spettatori. Un bambino di 6 anni è morto, i genitori feriti, mentre il fratellino di tre anni è rimasto miracolosamente illeso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Venaria Reale, insieme con le ambulanze del 118 e l'elisoccorso.

Secondo una prima ricostruzione, l'auto avrebbe toccato il cordolo di cemento della strada, finendo al di là della linea di sicurezza a causa, ma la dinamica è in fase di accertiamento, di un malore da parte del pilota. Per il bambino di 6 anni i soccorsi sono stati inutili. Il rally è stato immediatamente sospeso.

"Siamo addoloratissimi, la gara è stata sospesa. In 32 anni non era mai successa una cosa del genere". Così il Rally Team Eventi, che organizza il rally Città di Torino, ha commentato l’accaduto. Gli organizzatori hanno indetto una conferenza stampa, alla quale sarà presente anche il direttore di gara. L'incontro con i giornalisti è stato fissato per le 17, presso l'NH Hotel Lingotto.

Nel frattempo la procura di Ivrea ha aperto un'inchiesta sull'incidente: i primi accertamenti hanno portato a prendere in esame l'ipotesi che il bambino stesse seguendo la corsa con i genitori in un punto vietato. La vettura è stata posta sotto sequestro.

Si tratta purtroppo del secondo incidente mortale in poco più di un mese: lo scorso 21 aprile, durante la Targa Florio, avevano perso la vita il pilota Mauro Amendolia e il commissario di gara Giuseppe Laganà