Ha pianto di gioia il normalmente controllato Sébastien Ogier. Mentre in Messico Lewis Hamilton riconquistava il trono della Formula 1, il francese, in Galles, si riconfermava sovrano assoluto del Mondiale Rally. Quinto titolo consecutivo in carriera: meglio di Tommi Makinen, secondo solo all’omonima maestà Sébastien Loeb.

Ma non si tratta solo di numeri. La quinta corona è probabilmente la più significativa per Ogier, la prima dopo il poker di trionfi con lo squadrone Volkswagen. E dunque la prima vinta con un team privato, la M-Sport di Malcolm Wilson, che regala a Ford il terzo titolo piloti Wrc dopo quello di Walfergard nel ’79 e di Vatanen nell’81. Davide che batte i Golia Citroen, Hyundai e Toyota. “Ogni titolo significa tanto e il primo è indimenticabile, perché è il raggiungimento di tutto ciò che volevi – ha commentato Ogier -. Ma questo è veramente speciale perché era una nuova sfida, con una nuova macchina e un nuovo team. Rispetto all’anno scorso era tutto diverso. Abbiamo iniziato con molto ritardo rispetto agli altri, praticamente senza test. Sapevo che sarebbe stata un’impresa dura e sono molto orgoglioso di avercela fatta”. 

Ogier, navigato dal fedele Julien Ingrassia, si è imposto con 215 punti, in attesa del round finale della stagione. Ma per valutare l’ampiezza del successo targato M-Sport è necessario aggiungere i non pochi punti conquistati da Tanak, che in Sardegna ha centrato la prima vittoria in carriera, e da Evans, primo al traguardo in Galles davanti al pubblico di casa. 


Alle lacrime di Ogier si sono mescolate quelle di Wilson, boss del team di Cockermouth e artefice di un vero miracolo: “I ragazzi hanno compiuto un vero miracolo. Quando abbiamo iniziato ho capito che l’affidabilità sarebbe stata la chiave ed è andata bene. Siamo saliti sul podio ad ogni rally e siamo l’unico costruttore ad avere tutti i piloti vincenti. Sono molto orgoglioso”.

A questo punto, una volta archiviato il Rally d’Australia, sarà già ora di pensare al 2018. E a quali piloti correranno con M-Sport la prossima stagione. “E’ una situazione ancora in evoluzione ma non c’è alcun dubbio: non c’è nulla che vorrei maggiormente di poter tenere Sébastien e Julien sulla nostra macchinadichiara Wilson.

Il pilota, come anticipato sulle pagine di Autosprint in edicola, non ha ancora deciso sul suo futuro, limitandosi a un “presto ne saprete di più”. Le trattative con Citroen sono ancora aperte, ma dopo questa vittoria inattesa Ford potrebbe aprire i cordoni della borsa per consentire a Malcolm di tenersi stretto il suo campione.