L’edizione numero 86 del Rally di Montecarlo è alle porte, l’inizio della ostilità della prova monegasca sarà infatti dato mercoledì pomeriggio alle ore 16 con lo shakedown di Gap (3,35 km). Poi la prova monegasca prevede giovedì 25 dopo lo start dalla Place du Casinò a Monaco, un inizio durissimo con la speciale più lunga dell’intera gara.

Ad aprire le danze sarà infatti il celebre crono di Sisteron lungo ben 36,69 km, una classica percorsa in senso inverso rispetto a quello tradizionale, il cui start sarà dato in notturna alle ore 21.43. A seguire alle 22.51 ci sarà la speciale di  Bayons-Breziers (km 25,49) con la quale si chiuderà la prima tappa Monaco-Gap lunga 62,18 km cronometrati, con arrivo dei piloti al parco assistenza alle ore 23.46. La seconda tappa Gap-Gap di venerdì prevede invece 144,80 km di speciale, con i crono di Vitrolles-Oze (km 26,72), Roussieux-Eygalayes (km 30,54) e Vaumeilh-Claret (km. 15,18) ripetuti due volte con assistenza di fine giornata a Gap alle ore 17.39.

Sabato la terza tappa, Gap-Monaco, ha in programma ulteriori 117,55 km cronometrati con i crono di Agnieres en Devoluy-Corps (km 29,16) e i 16,87 km di St.Leger Les Mélézes-La Batie Neuve (live su FOX Sports alle ore 13) ripetuti due volte e poi la speciale di Bayons-Breziers (km 25,49), dopo la quale ci sarà l’ultimo parco assistenza a Gap e a seguire il parco chiuso a Monaco a partire dalle ore 22.17.

Per terminare la quarta tappa, Gap-Monaco di domenica 28 gennaio, prevede solo 63,98 km cronometrati suddivisi in quattro crono, vale a dire quelli di La Bollène Vésubie-Peira Cava (km 18,41) e La Cabanette-Col de Braus 1 lunga 13,58 km (live su FOX Sports alle 9), con quest’ultimo crono che sarà anche la power stage che andrà in diretta su FOX Sports dalle ore 12. La premiazione finale è prevista nella incantevole cornice della Place du Palais di Monaco alle ore 15.00 dopo ben 388,59 km cronometrati.

Sono 68 gli equipaggi al via dell’86° Rally di Montecarlo, tra cui c’è da segnalare la presenza di 11 Wrc Plus, 6 Wrc 2 e 4 le Wrc 3 a cui si aggiungono anche 2 vetture in classe GT. Confermati al via tutti i principali top driver del momento sulle velocissime Wrc Plus, con uniche novità l’esordio di Ott Tanak sulla Toyota e la presenza di Bryan Bouffier sulla terza Fiesta ufficiale, nel mondiale Wrc 2 invece sarà da seguire la sfida tra le due Ford Fiesta R5 della MSport di Eric Camilli e Teemu Suninen e la Skoda Fabia R5 ufficiale di Jan Kopecky con Kevin Abbring (Ford Fiesta R5) in veste di outsider.

Nel Wrc 3 il nostro Enrico Brazzoli (Peugeot 208 R2) dovrà vedersela soprattutto con il promettente francese Jean Baptiste Franceschi. Da seguire inoltre anche la gara di alcuni importanti outsider non iscritti però stavolta al Wrc 2, vale a dire Stéphane Sarrazin (Hyundai i20 R5), Ole Christian Veiby e Kalle Rovanpera (entrambi su Skoda Fabia R5). Tra gli italiani al via oltre a quella di Brazzoli c’è da segnalare anche la presenza di Manuel Villa e Daniele Michi su Ford Fiesta Wrc 2016, Eddie Sciessere iscritto su una Citroen Ds3 R5 della PH Sport sulla quale sarà navigato da Flavio Zanella, Andrea Nucita e Marco Vozzo al volante di una 124 Abarth, Andrea Coti Zelati e Giovanni Barbaro (Citroen Ds3 R3T) ed infine Carlo Covi e Pietro Ometto (Peugeot 208 R2).