Dopo la super speciale di Guanajuato svoltasi questa notte e vinta da Thierry Neuville (Hyundai), ha preso il via nel pomeriggio italiano la prima tappa del Rally del Messico, che prevede 9 speciali per un totale di 155,15 km cronometrati. Nel primo crono di Duarte-Derramadero ( 26,05 km) che ricalca in parte la power stage della scorsa edizione, il più veloce è stato Meeke (Citroen) davanti a Sordo (Hyundai) staccato di 2”8, terzo Loeb (Citroen) a 4”3 e quarto Ogier (Ford) a 6”6.

A seguire nella classica speciale di El Chocolate, accorciata stavolta a soli 31,44 km, ad imporsi è stato lo spagnolo Sordo davanti a Evans staccato di 11”1 e poi via via tutti gli altri. Dani Sordo è così passato in testa alla “carrera mexicana” ed ha subito consolidato la sua leadership vincendo anche il crono ad altissima quota di Ortega (oltre 2700 metri) di 17,23 km davanti a Loeb staccato di 1”9.

E così dopo 4 speciali Sordo ha un vantaggio in classifica generale su Meeke di 15”1, mentre terzo a 18”2 è Loeb con Tanak che segue quarto a 21”7 ed Ogier quinto a 31”2. Evans è uscito di strada a El Chocolate perdendo due minuti e mezzo, mentre nel Wrc 2 guida Tidemand (Skoda) con Kalle Rovanpera out, dopo aver rotto subito il radiatore a Duarte sbattendo su un sasso finito in mezzo alla strada.

Dopo la Street Stage di Leòn (1,11 km), nel pomeriggio messicano i piloti dopo aver effettuato l’assistenza ripeteranno le tre prove disputate al mattino, seguite poi da due passaggi nella prova di 2,30 km dell’autodromo di Leòn.

La tappa terminerà alle 3 del mattino italiane, mentre la seconda tappa in programma sabato è composta da 9 crono per complessivi 140,35 km cronometrati.

Le prove speciali da disputarsi saranno quelle di Guanajuatito (30,97 km), Otates (26,37 km) ed El Brinco di 9,98 km (trasmessa in diretta tv su FOX Sports canale 205 alle 18) da ripetersi due volte, seguite in serata dalle due speciali all’autodromo di Leòn (2,30 km) e dalla Street Stage di Leòn (1,11 km).