"Molto bene, siamo stati veloci, erano difficili le condizioni, bisogna stare attenti perché in alcuni posti c'era poco grip". Valentino Rossi ha appena stampato un tempo stratosferico nei poco meno di 10 km della Parabolica 1 e fugge via dopo parole ai microfoni ufficiali dell'evento. Parla di condizioni difficili il fenomeno, ma intanto alla prima occasione della giornata ha già distribuito sonori ceffoni alla concorrenza. Il suo 5'33"4 è di oltre una dozzina di secondi il miglior tempo del lotto e gli permette di fuggire già lontano e mettere concretamente nel mirino la settiman vittoria a Monza dopo appena tre delle 9 prove speciali in programma.

Questione di classe e di esperienza tra i tanti trabocchetti della gara disegnata nell'Autodromo: la prima non difetta certo a Teemu Suninen, che però sul catrame della pista brianzola è un debuttante e che deve suo malgrado pagare dazio in una gara che non ha nulla in comune alle prove del Mondiale Rally. Così il finnico, pur al momento nettamente primo degli altri, già paga  quasi 20" di ritardo da Rossi. Tanti, tantissimi in una gara che spesso in passato si è decisa sul filo dei decimi. Si sapeva che quest'anno, con l'apertura alle WRC Plus, la vita del Dottore sarebbe stata più facile, ma di certo lo spettacolo non ne gode. 

Così, per vedere incrociarsi sul serio i coltelli, tocca guardare appena più in giù. Trovandoci, bellissimo terzo, un Tony Cairoli decisamente in palla. L'imperatore del Tassello divide al momento il terzo gradino del podio con Alessandro Perico: entrambi con le WRC "classiche" (Cairoli con la Hyundai i20 e Perico con la Ford Fiesta), i due sono stati divisi da mezzo secondo appena nella prima fatica della giornata. 

Alle loro spalle Uccio Salucci occupa la quinta piazza e vince, per ora, il confronto con il compagno di box Roberto Brivio.

Nella grande ammucchiata delle R5 si fa per ora notare Andrea Crugnola, splendido 8. assoluto, con Luca Rossetti appena un paio di secondi indietro e per nulla intenzionato a mollare la presa. 

Queste la classifica dopo 3 prove speciali: 1.Rossi in 13'35"0; 2. Suninen +24.5; 3. Perico +27.9; 4. Salucci +30.9; 5.Cairoli +32.9; 6.Bonanomi +34.4; 7.Brivio +35.8; 8.Crugnola +39.1; 9. Longhi +39.6; 10. Rossetti +41.5.