Che sarebbe stata una giornata lunghissima e difficile era chiaro sin dai primi metri, con i protagonisti del Campionato Italiano Rally e del Tricolore Terra relegati in fondo all'ordine di partenza del Rally d'Italia e costretti a evitare le mille insidie di un percorso durissimo, reso a tratti quasi impossibile da tutte le vetture che precedevano quelle dei nostri.

Una prova di resistenza per uomini e mezzi, insomma. Una gara in cui trovare la corretta alchimia tra velocità e costanza, tra desiderio di attaccare e necessità di stare lontani dai guai. Un compito non facile, in cui oggi si è imposto Andrea Crugnola. Il pilota varesino, in coppia con Pietro Ometto, sulla Skoda Fabia R5 gommata Pirelli, ha dunque assaporato per la prima volta la gioia di portare a casa il punteggio pieno in una gara del Campionato Italiano. Crugnola, nella classifica "avulsa" estrapolata alla fine della tappa odierna, buona per distribuire i primi punti dell'Italiano, ha preceduto Luca Rossetti ed Eleonora Mori (Citroen C3 R5 ufficiale) e Giandomenico Basso con Lorenzo Granai alle note, sulla Skoda Fabia-Michelin della Dp Autosport. Il veneto - già vincitore al Ciocco - ha guadagnato la terza piazza virtuale grazie al ritardo di 1' (10" di penalità) pagato da Umberto Scandola al penultimo controllo orario della giornata. 

Delusione enorme per Simone Campedelli, in testa con la Ford Fiesta R5 sino a due prove dal termine e poi finito fuori strada dopo aver patito un problema all'idroguida. Per lui la speranza di raccogliere punti in "Gara 2". 

La gara del Campionato Italiano Rally Terra, che a differenza di quella del CIR (che si concluderà domenica visto che è parte integrante del Rally d'Italia Wrc) è terminata stasera, ha visto la seconda vittoria stagionale di Stephane Consani, con la Skoda Fabia R5 della Erreffe. Il francese ha avuto la meglio su Scandola e su Marchioro. 

Nel Campionato Italiano Rally Junior (anch'esso diviso in Gara 1 e Gara 2 per l'attribuzione del punteggio) vittoria di giornata per Giuseppe Testa

La classifica di Gara 1 del CIR: 1. Crugnola-Ometto (Skoda Fabia R5) in 1.41'43"0; 2. Rossetti-Mori (Citroen C3 R5) a 15"3; 3. Basso-Granai (Skoda Fabia R5) a 26".

La classifica del CIR dopo la 4. gara: 1. Basso 40,5 punti; 2. Rossetti e Campedelli 39; 4. Crugnola 27,25.