In Namibia per scoprire e imparare a gestire le dune. In Polonia, la preparazione di Fernando Alonso in vista della Dakar 2020 passa da terreni e scenari diversi.

Due giorni di test, 700 km alle spalle, tratti affrontati dal Baja Poland verificati da Nando al volante dell’Hilux. Prosegue così la formazione nei rally-raid.

Prima di salire di nuovo in macchina la prossima settimana, per correre in Sud Africa una tappa della serie Cross Country nazionale, Alonso farà tappa a Monza, impegno di pubbliche relazioni già previsto con McLaren.

OGNI KM CONTA

Sul test in Polonia, Fernando ha raccontato: “Sono state due giornate assolutamente positive, nelle quali ho potuto sperimentare diversi tipi di terreno.

Leggi anche: Leclerc, GP Italia: "Rendiamo orgogliosi i tifosi"

In questa fase del mio allenamento do il benvenuto a ogni chilometro al volante dell’Hilux e sono felice che siamo riusciti a spingerci oltre i piani originari della squadra. L’Hilux è stato davvero divertente da guidare e mi sto divertendo a ogni test”.

FERNANDO OLTRE IL PROGRAMMA

La preparazione del percorso è stata approntata da Overdrive Racing e ha visto Alonso guidare su sabbia, terreni duri, fondi soffici, altri sconnessi. “Con l’andare avanti nel programma intensivo di allenamento siamo concentrati sul percorrere chilometri di qualità mentre Fernando continua a familiarizzare con l’Hilux e i rally raid”, ha spiegato il team principal Glyn Hall.

Leggi anche: Spa torna la via di fuga in ghiaia al Raidillon

“Siamo stati in grado di raddoppiare il chilometraggio programmato, il che dimostra quanto rapidamente Fernando si stia ambientando all’Hilux. La prossima settimana abbandoneremo il relativo comfort di un test privato per dare a Fernando il primo assaggio di un ambiente di gara del rally raid al Lichtenburg 400”.