Niente Toyota, resterà in Citroen ancora a lungo, Kris Meeke. Un accordo triennale è stato firmato dal pilota nordirlandese, che sarà impegnato nel 2016 allo sviluppo della nuova macchina, la World Rally Car che affronterà il cambio regolamentare in arrivo 12 mesi dopo, quando Citroen sarà totalmente concentrata sul WRC, dopo un anno sabbatico, il prossimo. «C’erano varie opzioni disponibili per il prosieguo della mia carriera, ma ho scelto di restare con Citroen Racing per raccogliere i frutti del lavoro fatto negli ultimi due anni e passa. E’ anche un modo per dire grazie al team per la fiducia mostrata nei miei confronti, ci conosciamo molto bene a vicenda e questa comprensione reciproca sarà fondamentale per sviluppare con successo la nuova macchina», ha commentato Meeke, vincitore quest’anno del primo rally iridato in carriera, in Argentina. Il mondiale l’ha chiuso al quinto posto, migliorando la prestazione del 2014, quando terminò settimo. Seguirà passo passo la nascita del progetto 2017 e darà le indicazioni necessarie allo sviluppo Meeke – che continuerà a essere navigato da Paul Nagle – e aggiunge: «Ho iniziato la mia carriera nelle competizioni nel ruolo di progettista perciò, sebbene non veda l’ora di entrare in macchina, seguirò ogni tappa della progettazione e della realizzazione della prima macchina con grande interesse». L’obiettivo è quello di tornare a vincere nel 2017, essere in gioco per il titolo e sfidare Volkswagen. In casa Citroen, invece, spiegano così la scelta di puntare ancora su di lui: «Per il nostro nuovo programma volevamo anzitutto un pilota esperto e di livello, con una base solida di conoscenze tecniche. Kris era senza dubbio la scelta migliore da fare e siamo lieti che abbia deciso di restare con noi», il commento di Yves Matton, team principal di Citroen Racing. «Abbiamo una lunga storia alle spalle, ma la parte più importante della sua carriera è davanti a lui, con tre stagioni per sviluppare e conquistare il successo. Nel 2016 la priorità sarà rivolta al programma di test, che inizierà ad aprile, nonostante ciò si terrà “in allenamento” partecipando a diverse tappe del mondiale da privato, con i dettagli che saranno rivelati a breve». Fabiano Polimeni