Da Alghero: Marco Giordo

19 prove speciali e 322,82 km cronometrati. Ecco il format della versione 2016 del Rally Italia Sardegna che al momento vede i piloti impegnati nelle ricognizioni sul percorso e che inizierà domani mattina con lo shakedown in programma sulla speciale di Olmedo-Monte Baranta (3,69 km) alle ore 8,00 mentre le ostilità si apriranno con la superspeciale di apertura si disputerà all’Ittiri Arena Show alle ore 18. La prima tappa di venerdì composta da 8 speciali per complessivi 104,86 km cronometrati inizierà con la speciale di Ardara delle 9.32 seguita dall’inedita prova di Tula e da quelle di Castelsardo e Tergu (nel pomeriggio poi le quattro speciali verranno ripetute).

Da segnalare che dalle ore 18.15 tutti i concorrenti transiteranno al centro di Sassari in Piazza d’Italia. Sabato si continua con la seconda tappa composta da sei prove per complessivi 104,86 km cronometrati che si trasferisce sulle classiche speciali nel Monte Acuto, dove sono in programma le prove di Monti di Alà, Loelle e Monte Lerno, che verranno ripetute nel pomeriggio. Domenica infine ci sarà il gran finale con la terza tappa di 40,26 km cronometrati e le due speciali da ripetere due volte di Cala Flumini e Sassari-Argentiera, con quest’ultima che sarà la power stage finale che andrà in onda su Mediaset Premium alle ore 12.

I PROTAGONISTI. Il plateau degli iscritti evidenzia la presenza di 15 Wrc al via (3 VW  Polo Wrc, 4 Hyundai i20 Wrc, 6 Ford Fiesta Wrc, 1 Mini BMW e 1 Citroen Ds3 Wrc), ed inoltre di ben 17 piloti iscritti alla sesta prova del Wrc 2, mentre sono 4 i partecipanti al Wrc 3. Tra i 49 iscritti ci sono già da segnalare tre forfait, quello preannunciato subito dopo il Portogallo del francese Yoann Bonato navigato da Denis Giraudet (Citroen Ds3 R5) a cui si è aggiunto quello per motivi di salute di Max Rendina che si era iscritto su una Ford Fiesta R5 e all'ultimora quello del polacco Ptaszek (Peugeot 208 T16) per l'infortunio occorso al suo copilota Szczepaniak in Portogallo nel salto di Fafe. Al via della gara ci saranno tutti i principali equipaggi partecipanti al mondiale, ad iniziare dai tre piloti ufficiali della Volkswagen, il leader del mondiale tre volte campione del mondo Sébastien Ogier, Jari-Matti Latvala e Andreas Mikkelsen.

Ci saranno poi anche ben quattro driver al via sulle Hyundai ufficiali, cioé Thierry Neuville, Dani Sordo, Hayden Paddon e Kevin Abbring. Saranno inoltre al via anche l’ucraniano Gorban su Mini Cooper Wrc, di Gorban, Mads Ostberg ed Eric Camilli sulle due Ford Fiesta Wrc della MSport di su altre quattro Fiesta Wrc Ott Tanak, Martin Prokop, Henning Solberg ed il nostro Lorenzo Bertelli.

Nel Wrc 2, spiccano le presenze delle Skoda Fabia R5 ufficiali del finlandese Esapekka Lappi e del céco Jan Kopecky, a cui si aggiungono quelle del tedesco Armin Kremer, del finlandese Teemu Suninen e del nostro Umberto Scandola.

Sulle Ford Fiesta R5 del Team DMack saranno al via il norvegese Aasen e l’éstone Parn, a cui si aggiunge quella dell’ungherese Turan. Da segnalare anche la presenza di due Citroen Ds3 R5 affidate ai francesi Quentin e Giordano e sulla Peugeot 208 T16 dello spagnolo Suarez. Sono poi ben 3 gli equipaggi italiani sui 4 iscritti al Wrc 3, vale a dire i portacolori di Aci Team Italia Fabio Andolfi e Damiano De Tommaso ed Enrico Brazzoli (tutti su Peugeot 208 R2), Max Rendina sarà invece al via su Ford Fiesta R5, mentre sono 6 i piloti sardi iscritti alla corsa (Francesco Marrone, Giovanni Bitti, Giuseppe Dettori, Gianluca Leoni, Alessandro Leoni e Davide Catania).

RALLY SARDEGNA HISTORIC.  Infine da segnalare che sono 8 gli equipaggi iscritti al “Rally della Sardegna Historic” che si correrà insieme al rally mondiale tra il primo e il secondo passaggio sulle speciali della prima e della seconda tappa. Oltre a Biasion-Pirollo (Lancia Delta Integrale) sono iscritti alla gara anche Bentivogli-Cecchi (Alfetta GTV 6), Mariotti-Mannini (Fiat 131 Abarth), Melegari-Zamboni (Lancia Delta HF Integrale), Pelliccioni-Ceci (Ford Escort MK2), Biasiolo-Zampalocca (Mini Cooper), i francesi Canavese-Serre (Lancia Delta Integrale) e i sardi Mara-Cottu (Peugeot 205 GTI).