I leit-motiv del Wales Rally GB che inizia giovedì con lo shakedown di Clocaenog (3,32 km) sono due: la lotta per il titolo mondiale marche tra Volkswagen e Hyundai e lo sprint finale per il titolo Wrc 3, in cui sono in lotta Simone Tempestini (che è in testa alla serie con 105 punti) ed il francese Fabre che segue a quota 91 a pari merito con Fabio Andolfi. Il pilota ligure di ACI Team Italia sarà assente in Gran Bretagna, ma se Tempestini non chiudesse i giochi in Galles sarà sicuramente al via in Australia per puntare alla vittoria di questo campionato. 

Sono in totale 66 gli equipaggi iscritti al Rally del Galles con 15 Wrc al via, tra le quali figurano anche le tre Citroen Ds3 Wrc di Meeke, Breen e Léfébvre (navigato da Gilles De Turckeim vista l’indisponibilità del convalescente Gabin Moreau) iscrittesi last minute. Sono invece ben 21 equipaggi iscritti al Wrc 2, tra i quali spiccano le tre Skoda Fabia R5 ufficiali di Lappi, Tidemand e Kopecky, ed invece 9 quelli in gara nel Wrc 3 di cui 7 sono iscritti anche allo Junior.

LA GARA

L’edizione 2016 del Rally del Galles tornerà in Inghilterra dopo ben 17 anni, sconfinando nel vicino castello di Cholmondeley nella seconda tappa della prova iridata britannica. Era infatti dal 1999 che la gara si svolgeva solo in Galles, ma vista l’ubicazione di Deeside, località sede della corsa che si trova proprio al confine tra Galles e Inghilterra, non è stato difficile stavolta per gli organizzatori allestire una rimpatriata nella verde Inghilterra. L’edizione 2016 del Rally del Galles prevede 22 speciali per un totale di 330,21 km cronometrati.

La prova britannica sarà simile a quella degli ultimi tre anni, da quando è stata spostata la sede operativa della corsa dal sud del Galles a Cardiff, ben 250 km più a nord cioè a Deeside vicino Chester. La gara, tutta su sterrato, prenderà il via venerdì 28 ottobre quando ci sarà l’abituale lunga prima tappa (anche stavolta senza assistenza) nel centro del Galles, che avrà un totale di 178,22 km cronometrati suddivisi tra le classiche speciali di Myherin, Sweet Lamb, Hafren e Dyfnant da percorrersi al contrario rispetto al passato, che saranno ripetute due volte ed intervallate da un cambio gomme a Newtown.

Sabato 29 è poi in programma la seconda tappa tutta ricavata vicino Deeside composta da 8 speciali e 99,91 km cronometrati senza effettuare assistenza e cambio gomme, con i crono di Pantperthog, Dyfi e Gartheiniog ripetuti due volte a cui si aggiungeranno a fine giornata le speciali di Aberhirnant e la mickey-mouse di soli 1,80 km di Cholmondeley Castle. Infine domenica 30 il gran finale con l’ultima giornata di gara composta di 52,08 km cronometrati suddivisi in 6 crono, quelli di Clocaenog, Alwen e Brenig (7,93 km) ripetuti due volte, con quest’ultima che sarà anche la power stage finale trasmessa in diretta in Italia alle ore 13 da Mediaset Premium.