Ancora una giornata ricca di colpi di scena al Rally di Svezia, dove si è corso come ieri in condizioni da “winter rally” al mattino e poi nel pomeriggio quando le temperature sono salite sopra lo zero in un misto terra-slush-ghiaccio. Il finlandese Teemu Suninen (Ford) ha perso la leadership subito nella prima speciale dopo un massiccio attacco di Tanak (Toyota), che ha continuato a spingere per tutta la giornata che ha chiuso in testa con un minuto di vantaggio sui suoi avversari.

Che sono Mikkelsen (Hyundai), Lappi (Citroën), Neuville (Hyundai) ed Evans (Ford) tutti racchiusi in un fazzoletto di secondi a giocarsi il secondo ed il terzo gradino del podio. Bene Ogier, che si è aggiudicato ben tre speciali a dimostrazione della qualità della sua Citroën C3, mentre Suninen dopo aver toccato con la Fiesta un albero a Vargasen, ha danneggiato il roll bar e si è dovuto fermare. Buona la prova di Loeb (Hyundai) che è settimo mentre Bertelli (Ford) si sta soprattutto divertendo. Interessante anche la gara di Tamara Molinaro nel WRC 2 con Oldrati che è sesto nello Junior.

Anche domani a Torsby e nel Varmland le temperature durante il giorno saliranno oltre lo zero, ma correndo stavolta solo di mattina non dovrebbero esserci sorprese nella tappa finale di soli 51,31 km cronometrati, composta da sole tre speciali, vale a dire due passaggi a Likenas (21,19 km) seguiti dalla power stage di Torsby (8,93 km) che verrà trasmessa in diretta da DAZN. 

Questa la classifica a fine seconda tappa:

1. Tanak in 2.19’31”7
2. Mikkelsen e Lappi a 54”5
4. Neuville a 56”8
5. Evans a 1’08”7
6. Meeke a 1’36”5
7. Loeb a 1’38”1
8. Tidemand a 3’08”0
...
22. Bertelli a 11’58”3
31. Molinaro a 19’50”9