Una gara lunga e difficile che si disputa in altitudine sulle veloci e rocciose speciali ricavate nella Sierra de Lobos e nella Sierra de Guanajuato. Come d’abitudine sono pochi gli iscritti al “Rally Mexico”, da sempre la gara più povera di partecipanti del mondiale. Quest’anno nella “entry list” della prova centroamericana figurano al via solo 23 equipaggi (l’anno scorso erano 31, due anni fa 29, tre anni fa 30). Il terzo appuntamento della stagione iridata vedrà solo 10 Wrc Plus al via (2 Citroen C3, 2 Ford Fiesta, 3 Toyota Yaris e 3 Hyundai i20), 1 Wrc 2 Pro (Pieniazek) e 4 piloti in gara nel Wrc 2 tra i quali gli idoli locali Benito Guerra e Ricardo Triviño.

21 LE SPECIALI. In questa edizione numero 16 della prova messicana con un totale di 313,97 km cronometrati, saranno 21 le speciali in programma di una gara che si disputa sin dalla prima edizione del 2004 nella provincia di Leòn, con base a Leòn e Guanajuato, cittadina quest’ultima riconosciuta dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Si inzia con lo shakedown lungo 5,31 km di Llano Grande in programma domani alle ore 17 italiane.

La corsa partirà come in passato più tardi in serata quando in Italià saranno le 3 di notte con la super speciale d’apertura di Guanajuato, ambientata tra le caratteristiche stradine della cittadina. Venerdì la prima tappa prevede 8 speciali per un totale di 114,59 km cronometrati. Si inizia subito con il classico crono di El Chocolate di 31,57 km (due anni fa era lungo ben 54,90 km), e dal crono in altissima quota di Ortega di 17,28 km.

Dopo la Street Stage di Leòn (1,11 km), nel pomeriggio dopo aver effettuato l’assistenza, i piloti ripeteranno le due prove disputate al mattino seguite dal crono di Las Minas (10,72 km) e poi da due passaggi nella prova di 2,30 km dell’autodromo di Leòn. La seconda tappa di sabato sarà invece composta da 8 crono per complessivi 138,37 km cronometrati, tra i quali figurano le prove speciali di Guanajuatito (25,90 km), Otates (32,27 km) ed El Brinco di 8,13 km (trasmessa in diretta tv) da ripetersi due volte, seguite in serata dalle due speciali all’autodromo di Leòn (2,30 km) e dalla Street Stage di Leòn (1,11 km). Infine l’ultima tappa di domenica è lunga 60,17 km cronometrati con tre sole prove in programma, quella di Alfaro (24,38 km), Mesa Cuata (10,72 km) e Las Minas (11,07 km) che alle ore 19.18 italiane sarà valida come power stage, trasmessa in diretta tv su DAZN dalle 19.