Il Tour de Corse è una prova classica e storica del campionato del mondo, visto che vi ha fatto parte ininterrottamente per ben 35 anni dal 1973 al 2008, rientrando poi nel calendario iridato nel 2015. Sarà una prova importante di questo Mondiale 2019, che si sta rivelando molto più aperto e combattuto di quanto si pensasse alla vigilia. Perché quando si cominciava ad ipotizzare un potenziale inizio di dominio di Tanak e della Toyota Yaris, è subito arrivata in Messico la pronta risposta di Ogier e della Citroen C3 Wrc Plus, che puntano al risultato pieno anche in Corsica.

Sull’asfalto infatti la Wrc transalpina è fortissima come visto anche di recente in Catalogna e a Montecarlo. E non ci sarebbe da sorprendersi quindi, per una nuova prestazione al top del sei volte campione del mondo nel rally delle mille curve che si corre nell’isola di Napoleone.

Si parte da Bastia il 28 marzo


L’edizione 2019 di questa storica prova, in programma dal 28 al 31 marzo, ha un percorso rinnovato al 75% rispetto allo scorso anno ed è composta da 14 prove speciali per complessivi 347,51 km cronometrati. Si inizia da Bastia giovedì mattina alle 9 con lo shakedown di Sorbo Ocagnano, e si prosegue poi con un percorso che fa il periplo dell’isola caratterizzato da diverse prove lunghe con partenza la sera di giovedì 28 da Porto Vecchio, parco assistenza a Bastia ed arrivo finale domenica a Calvi.

La prima tappa in programma venerdì 29 marzo prevede 6 prove speciali nel sud dell’isola per complessivi 121,82 km cronometrati, vale a dire i crono di Bavella (17,60 km), Valinco (25,94 km) e Alta Rocca (17,37 km) da disputarsi due volte. Sabato la seconda tappa è composta da 174,50 km cronometrati e sei speciali, quelle ripetute due volte di Cap Corse (25,62 km), Desert des Agriates (14,45 km) e la prova più lunga della gara di Castagniccia di ben 47,18 km, mentre la tappa finale di domenica 31 è composta da 51,19 km cronometrati suddivisi in due prove speciali, quella di Eaux de Zilia (Balagne) di 31,85 km e la power stage di Pietra Rossa-Calvi lunga 19,34 km, che verrà trasmessa in diretta tv su DAZN alle ore 12.

96 iscritti con 5 tricolori


Sono ben 96 (l’anno scorso erano 92) gli iscritti al 62° Tour de Corse. Oltre a 10 Wrc Plus (sono solo due le Citroen C3 e le Ford Fiesta iscritte), ci saranno al via solamente due Wrc 2 Pro, la Skoda Fabia di Rovanpera e la Fiesta R5 di Pieniazek, mentre sono ben 16 i piloti iscritti al Wrc 2, tra cui figurano i nostri Fabio Andolfi (Skoda Fabia R5), al suo esordio stagionale con i colori di ACI Team Italia, “Pedro” (Ford Fiesta R5) e Simone Tempestini (Hyundai i20 R5) anche lui alla sua prima prova stagionale. Sono poi  tre le vetture R-GT iscritte, tra cui c’è da segnalare la presenza del campione Wrc 3 Enrico Brazzoli su Fiat 124 Abarth, ed infine ci sono 13 piloti iscritti nello Junior tra i quali vedremo al via il giovane bergamasco Enrico Oldrati.