1 di 9

Formula 1 Eifelland: il genio di Luigi Colani al servizio di Rolf Stommelen

La Eifeland è stata una delle vettutre più avveniristiche mai scese su un rcircuito di formula 1. Caratterizzata dalle forme tondeggianti e avvolgenti, aveva come peculiareìità un unico specchietto retrovisore a periscopio, posto in posizione centrale, davanti al pilota e una grande presa d'aria anteriore. L'auto soffriva di probelmi di raffreddamento e, dopo il suo debutto, venne resa meno estrema e più performante, ma non ebbe grande successo e nel 1972 corse 8 gran premi, senza tuttavia arrivare mai al podio. A volere l'auto era stato Gunther Hennerici, produttore di camper e caravan che nel 1971 aveva deciso di dar vita a un team di Formula 1 e iscriverlo al mondiale. Per farlo aveva acquistato una March 721 che aveva poi affidat0 al genio creativo di Luigi Colani, una vera star del design tedesco e mondiale.  Colani era famoso in tutto il mondo per i suoi studi sull'aerodinamica e per il bio-design, cifra stilistica caratterizzata dalla rotondità delle curve in tutti gli oggetti progettati. La Eifelland fu affidata alla guida di Rolf Stommelen, esperto pilota tedesco dal viso da attore di Hollywood , che avevrebbe ottenuto numerosi successi nelle gare di endurance, ma mai in formula 1  e che al volante di un'auto da corsa sarrebbe morto nel 1983 a soli 40 anni. La Eifelland è un'auto che viene ricordata per l'estro creativo del suo disegnatore, che forse poteva essere sviluppata maggiormente, se avesse avuto più finanziamenti, ma il cui esempio non è stato seguito o ripreso. E proprio per questo rimane un esemplare unico del suo genere, figlio di un genio del design e della caparbietà di un produttore di caravan.f