Mercedes campione del mondo. Nico Rosberg quasi. Chiusa la parentesi a Oriente il Mondiale di Formula Uno certifica un verdetto scontato e proietta verso la conquista del primo titolo in carriera il biondino tedesco che quest’anno ha già fatto saltare il banco per nove volte. Vola a più 33 da Hamilton Nico e mette una seria ipoteca sul campionato del mondo piloti 2016, dopo aver dominato dall’inizio alla fine anche il Gp del Giappone. Una lunga cavalcata solitaria, favorita da una partenza choc di Hamilton e da una Mercedes che si conferma autentica dominatrice della Formula Hybrid.

«Il nostro segreto? Lo custodiscono i nostri 1500 dipendenti…», ha detto Toto Wolff, il boss della Casa della Stella, sottolineando l’unione di un gruppo che ha creato un ciclo vincente e nel quale c’è anche un po’ d’Italia. La Mercedes diventa campione del mondo per la terza volta con una vettura ancora progettata da Aldo Costa, e per una F.1 sempre più avara per i nostri colori, è questo un motivo di grande soddisfazione e orgoglio. Ed è pure una gran bella rivincita per il tecnico ex Ferrari che si è trasformato in una delle punte di diamante del team che da tre stagioni non sta lasciando niente agli avversari.