Da Roma a Imola, passando per Sanremo. Sono i punti cardinali di que- sto numero di Autosprint. C’e? il nostro Stivale da corsa, sotto ai riflettori. Dalla Formula E tornata nella Capitale alla Formula Uno pronta a piazzare le sue tende per la seconda volta di fila in epoca recente sul sacro suolo di Imola. Ma senza dimenticare i rally che a livello tricolore macinano numeri in controtendenza.

La? nel Ponente ligure dove un tempo si giocavano le sfide valide per il Mondiale quest’anno in una gara-contenitore piu? di 350 vetture in totale hanno preso il via. Numeri impressionanti soprattutto se si considera il periodo maledetto che continuiamo a vivere. Cifre che fanno riflettere dentro a una delle poche nazio- ni dove gli sport motoristici continuano ad andare in scena nonostante tutto. C’e? una cosa che consola: almeno a livello di motorsport il nostro Paese mostra il suo volto piu? bello e la grande eccellenza della sua organizzazione.

Nel frattempo la F.1 vive il suo presente con lo sguardo che e? gia? rivolto al futuro. Iniziano le grandi manovre per il 2022, l’anno dell’attesa rivoluzione regolamentare. E? in questa ottica che si piazza l’annuncio della Mercedes con James Allison che lascia il posto di direttore tecnico dopo 4 anni e mezzo di pura gloria, sale di grado e andra? ad aiutare Toto Wolff nelle strategie tecniche future. Insomma una mossa in vista delle nuove sfide imposte dai regolamenti 2022 e oltre. E? solo l’ultima mossa di un rinnovo costante che ha permesso alla Regina di rimanere al top per tutta la durata della Formula Hybrid. Il Mondiale di F.1 e? appena partito ma gia? si guarda oltre. Eppure da come sono andate le cose in Bahrain questo 2021 si annuncia meno monotono del previsto.

Sicuramente piu? incerto e combattuto. Nel Mondiale di F.1 che sbarca in Europa e come ai bei tempi lo fa da Imola la trama del film per chi lotta per il titolo sembra meno scontata, anche se poi a ben vedere l’esito del primo Gp e? stato il solito di sempre.

Ma dietro la prima vittoria stagionale di Lewis Hamilton si nascondono meno certezze che in passato e soprattutto s’e? annidato un rivale tosto come Verstappen su una Red Bull subito indemoniata. La Mercedes che proprio a Imola l’anno scorso ha avuto l’aritmetica certezza della conquista di un titolo col quale si e? riscritta la storia del Mondiale Costruttori ha tutte le intenzioni di aggiungere ancora nuovi capitoli. Ma la Red Bull versione 2021 pare essere cliente molto scomodo.

A proposito di Mercedes. Proprio in Formula E la casa della Stella ha conquistato la seconda vittoria stagionale a Roma. In un weekend che ha visto salire sul gradino piu? alto del podio anche DS (che ha messo la sua firma sulla prima corsa) c’e? una monoposto che studia da regina anche nella serie elettrica: dopo due round e quattro gare disputate Mercedes e? ora seconda in campionato a 17 lunghezze dalla leader Jaguar e con un vantaggio di 19 lunghezze sulla DS che a Roma s’e? presa tutta la scena nella prima gara.

Siamo all’inizio di una nuova era della Stella anche in Formula E?