Per un Sam Bird che saluta Virgin Racing e si prepara a una Stagione 7 di Formula E con Jaguar, c’è un Nick Cassidy che farà coppia con Robin Frijns dal prossimo campionato. Il team cliente Audi Sport ha scelto il neozelandese, “specialista” delle serie nipponiche, Super Formula e SuperGT, con un assaggio di serie elettrica avuto lo scorso marzo in occasione dei test rookie a Marrakesh.

Ritroverà in griglia Mitch Evans, connazionale col quale ha corso ai tempi della Toyota Racing Series nel 2011, annata che valse una chance europea in Formula 3, da lì la prima apparizione a Macao nel 2014 – con podio –, per proseguire con la svolta in Giappone, che porterà il titolo in Super GT nel 2017 e quello in Super Formula nel 2019.

Serie elettrica di spessore

“Per me si tratta di una fantastica opportunità, unirmi a Envision Virgin Racing e la Formula E dalla prossima stagione. Il team è tra quelli di maggior successo in griglia, ha un grande assetto e strutture, mi ha colpito sin da quando ho girato nei test rookie lo scorso marzo.

Essere o non #essereFerrari?

Tutti i piloti sanno come la qualità e lo spessore del campo in Formula E sia tra i migliori al mondo, perciò è fantastico aggiungere il mio nome a quest’elenco. Correre in Giappone ha rappresentato un’esperienza straordinaria e sono fortunato di essere riuscito a ottenere così tanto in poco tempo, adesso è tempo di affrontare la prossima sfida nella mia carriera e non vedo l’ora di farlo con Envision Virgin Racing”, le parole di Cassidy, che si trasferirà da Tokyo per essere più vicino al team con base a Silverstone.

Virgin Racing ambizioni iridate

Tra Cassidy e Virgin Racing la collaborazione sarà pluriennale e Sylvain Filippi ha aggiunto: “Come squadra è sempre importante guardare avanti per garantire il successo sul lungo periodo. In Nick sappiamo di avere un pilota in gamba, molto ambizioso, con puro talento, velocità e condotta di gara, al pari di un curriculum impressionante per la sua età.

Sappiamo che la Formula E sarà più competitiva che mai, diventando campionato del mondo dalla prossima stagione; dal breve tempo trascorso con noi, siamo fiduciosi che, insieme a Robin Frijns, abbiamo due piloti in grado di competere al vertice per vincere i campionati”.

GP Ungheria, Binotto: 'Prestazioni insufficienti, lavoriamo per migliorare'