Si tornerà in pista tra meno di un mese, appuntamento al 27 novembre per i test della Formula E a Valencia, in vista della Stagione 7 che partirà a gennaio. E Mercedes sarà in griglia in formazione invariata, con Vandoorne e De Vries confermati dopo un buon debutto, valso il terzo posto nel campionato Costruttori tre podi e una vittoria, con Vandoorne nell’ultimo ePrix di Berlino.

Congelamento motori, Todt: giravolta Red Bull in pochi mesi

“Siamo rimasti molto soddisfatti di Stoffel e Nick nella scorsa stagione. Entrambi hanno mostrato prestazioni competitive, guadagnato esperienza importante con il team e dimostrato che hanno le giuste doti per la Formula E. Non sono solo velocissimi ma hannoanche l’intelligenza e la capacità mentale di far fronte alla gestione energetica e alla natura unica delle gare in Formula E”, la sintesi di Ian James, team principal di Mercedes EQ.

Torna il silver, novità sul powertrain

La monoposto – Silver Arrow 02 – avrà una livrea differente, i colori “total black”, scelti per sposare la causa portata avanti da Mercedes e Daimler, in Formula 1, per i diritti delle minoranze nel motorsport, lascia spazio al canonico argento Mercedes, abbinato al nero e al blu della divisione stradale Mercedes EQ.

Quel che conta maggiormente, però, è la decisione di introdurre un powertrain aggiornato, ricordiamo come il regolamento tecnico varato dalla Formula E preveda una sola omologazione possibile tra Stagione 7 e Stagione 8, in un’ottica di contenimento dei costi.

Deb veloce e regolare

Vandoorne e De Vries hanno messo a segno un campionato 2019-2020 solido, soprattutto il pilota olandese ha stupido, essendo all’esordio, per la regolarità della prestazione, solo con tre passaggi opachi, tra Diriyah e Berlino. Con l’11° posto nel campionato è risultato il miglior debuttante: “Sono onestamente felicissimo di poter correre una seconda stagione con la squadra in Formula E. Abbiamo avuto un forte campionato d’esordio, sebbene sia stato un anno un po’ strano, nel quale la Covid-19 ha cambiato tutto dopo poche gare.

L'editoriale del Direttore: E ora esaltiamoci grazie a Imola!

Per fortuna siamo riusciti comunque a terminare la stagione su note positive e mi preparo adesso a quella che, speriamo, sia una stagione un po’ più normale nel 2021. Spero di poter conoscere tutti i nuovi circuiti sui quali non siamo riusciti a correre finora”, ha commentato De Vries alla presentazione della livrea.

Vandoorne, confermarsi e ridurre il gap

I test daranno il “la” alla Stagione, sebbene sarà solo a metà gennaio che si tornerà a battagliare per i punti, a Santiago del Cile: “Non vedo l’ora di tornare a gareggiare, sembra siano passati anni dall’ultima volta a Berlino. Abbiamo condotto alcuni test con la nuova macchina da allora, è stato bello tornare al volante ma niente si avvicina alle sensazioni di correre contro i migliori in griglia.

Non vedo l’ora di scoprire cosa potremo fare il prossimo anno, abbiamo saputo concludere l’ultima stagione con una vittoria e spero potremo battagliare ancora per podi e vittorie, chiudendo un po’ il divario dai ragazzi al vertice”.