Fine febbraio, Diriyah, due ePrix in Arabia Saudita per dare il via alla Stagione 7 della Formula E. Finora era tutto quel che il calendario della Formula elettrica poteva garantire, adesso presenta un’idea su come dare slancio al campionato, il primo con la titolazione mondiale FIA.

Più che mai un piano soggetto a valutazioni continue, perché le limitazioni agli spostamenti dettati dall’emergenza coronavirus sono ancora tema d’attualità assoluta. Non sarà possibile correre l’ePrix di Parigi, per ragioni di sicurezza sanitaria e difficoltà organizzative, mentre gli appuntamenti in Cina a Sanya e in Corea del Sud a Seoul nella migliore delle ipotesi verranno riposizionati in calendario rispetto alle date inizialmente immaginate: rispettivamente marzo e maggio.

ePrix di Roma, all'EUR in aprile

Così, dopo l’apertura in Arabia, la Formula E si dirigerà a Roma, ePrix al momento in programma il 10 aprile. Nei prossimi mesi capiremo meglio se lo scenario delineato dalla serie elettrica sarà attuabile e in quali condizioni, nello specifico relativamente alla presenza o meno del pubblico.

Tappa inedita, perlomeno in campionato – essendo già sede dei test – è Valencia, con il circuito Ricardo Tormo a ospitare il quarto ePrix del 2021, su una tracciatura inedita. Si proseguirà poi con l’ePrix di Monaco, l’appuntamento di Marrakesh e due gare a Santiago del Cile, a giugno. Restano ancora altre gare da inserire, da una Londra costretta alla cancellazione nel 2020 – e ancora oggi con massime difficoltà legate alla diffusione del virus – alla trasferta americana di New York. Nei prossimi mesi capiremo meglio quale volto riuscirà a dare la Formula E al campionato 2021.

Siamo impegnati nel produrre un calendario globale che si convenga alla nostra prima stagione quale Campionato del mondo. Stiamo lavorando da vicino con tutti i nostri partner tra le squadre, i costruttori, gli sponsor, le emittenti televisive e le città sede di gara per adattarci alle circostanze esterne e garantire la sicurezza e salute di tutte le persone coinvolte”, ha commentato l’a.d. della F.E, Jamie Reigle.

“Faremo tutto ciò mantenendo ciò che i tifosi amano di più della Formula E: gare imprevedibili, sedi iconiche e la miscela tra mondo reale e virtuale, tutti aspetti basati dalla nostra corsa per un futuro migliore”.

Formula E agile nel riprogrammare

Tutte le categorie del motorsport chiamate a stilare un calendario, in tempo di pandemia di coronavirus, vivono l’impossibilità di effettuare previsioni e pianificare gli eventi. Una condizione sulla quale Alberto Longo dice: “Lavoare a un calendario di un campionato in circostanze normali è già un compito vasto che prende mesi di pianificazione e preparazione, in collaborazione con tante città e portatori di interessi.

Questo insieme di gare dimostra l’agilità della Formula E nel reagire a qualsiasi scenario e crea comunque un calendario impegnativo e interessante per squadre e piloti. Continuiamo a lavorare al prossimo set di gare e a garantire che la prima stagione da Campionato del mondo FIA sia all’altezza delle aspettative”.

Formula E, McLaren riserva un'opzione per debuttare nel 2023

Calendario Formula E 2021

Round

Città

Paese

Data

1

Diriyah

Arabia Saudita

26 febbraio

2

Diriyah

Arabia Saudita

27 febbraio

3

Roma

Italia

10 aprile

4

Valencia

Spagna

24 aprile

5

Monaco

Monaco

8 maggio

6

Marrakesh

Morocco

22 maggio

7

Santiago

Cile

5 giugno

8

Santiago

Cile

6 giugno