L’attualità della Formula E vede avvicinarsi il debutto della Stagione 7, nel week end del 26 febbraio con il duplice appuntamento, in notturna, di Riad. La serie elettrica ha registrato anche le defezioni, al termine del campionato prossimo al via, di due importanti costruttori come Audi e BMW. Non sono bastate le misure approntate per ridurre i costi – già piuttosto contenuti – e garantire la sostenibilità dell’impegno finanziario in una fase complessa per l’industria automobilistica.

A fronte di due costruttori certi in meno c’è la prospettiva di un possibile impegno da parte di McLaren, che ha scandito chiaramente come la presenza in Formula E vada subordinata alla previsione regolamentare di un tetto di spesa, un po’ come avviene in Formula 1. Alle spese e alle penali, in caso di uscita anticipata all’interno di un ciclo tecnico di quattro anno, hanno posto attenzione FIA e Formula E.

L'editoriale del direttore: Ferraristi per sempre

Quanto costerà una fornitura completa

Da un lato si è definito il costo massimo per la fornitura di una macchina “pronto corsa” ai team clienti, incrementando la richiesta da 835 mila a 1,12 milioni di euro a stagione; quanto ai servizi prestati per la gestione del powertrain, si è definita in 600 mila euro a stagione la cifra massima che potrà richiedere il Costruttore al team cliente. Su un altro fronte si è cercato di disincentivare l’uscita dal campionato.

Iscrizione per un ciclo intero

Si è intervenuti prevedendo il pagamento, in un’unica soluzione ed entro 60 giorni dall’annuncio del ritiro dalla serie, delle quote relative all’iscrizione e omologazione dovute annualmente. Un impegno da 300 mila euro a stagione, dovuto dal campionato 2022-2023 della Stagione 9, quando in pista debutteranno le monoposto Gen3.

Sarà una Formula E dalle prestazioni nettamente superiori, perché con macchine più leggere e powertrain più potenti, quasi 480 cavalli della prospettive del regolamento. Chi dovesse impegnarsi a partire dal 2022-2023, resterà di fatto vincolato al pagamento dell’iscrizione al campionato fino alla stagione 12 nel 2025-2026 anche se optasse per un’uscita prima di tale data. Inoltre, dovrà assicurare la fornitura del materiale alla squadra o alle squadre clienti.

È quanto presente nel documento di registrazione di un Costruttore auto alle Stagioni 9, 10, 11 e 12, pubblicato dalla FIA a inizio febbraio. La chiusura dell’iscrizione al ciclo tra la Stagione 9 e Stagione 12 scadrà il prossimo 31 marzo.