Ancora Mercedes sugli scudi in Formula E. L'ePrix di Roma vede Stoffel Vandoorne in pole position, autore del miglior giro in Superpole, un giro quasi mezzo secondo più rapido del tentativo della fase a Gruppi, dalla quale si è qualificato in terza posizione. 

Insieme a lui, dal Gruppo 3, anche Vergne, Di Grassi e Lotterer, mentre Maximilian Guenther è entrato in Superpole dal Gruppo 4. Gran giro di Oliver Rowland, miglior crono della qualifica realizzato in Gruppo 2.

Vandoorne, Rowland e un muretto

Ma quando contava per la pole, l'inglese di Nissan - veloce nel primo e secondo settore - sull'ultima curva ha toccato il muretto con la posteriore destra, aprendo la sospensione  e perdendo ogni chance di pole. Scatterà terzo in griglia, dietro una prima fila che vede Vandoorne e Lotterer. Detto del belga di Mercedes a ottenere un gran miglioramento, con l'1'38"484 quasi mezzo secondo più rapido del giro in qualifica a Gruppi, Lotterer ha confermato - solo 3 centesimi più lento - l'1'38"6. 

Accanto a Rowland partirà Di Grassi su Audi, autore di due buoni giri, 1'38"903 quello che vale la seconda fila. In terza ci sono Jean Eric Vergne su DS Techeetah - con il nuovo powertrain - e Guenther. Separati da 2 millesimi nella fase a Gruppi, in Superpole Vergne migliora di 1 decimo e scende a 1'38"947, mentre Guenther perde be 7 decimi sul suo tentativo precedente e si ferma a 1'39"751,

Buon giro anche per De Vries, ottenuto in Gruppo 1 e sufficiente per partire ottavo: alla vigilia si poneva l'obiettivo di una top ten dalla partenza penalizzante in qualifica. 

La cronaca dai Gruppi

Della fase a Gruppi va segnalato il tentativo di Nick Cassidy  - Gruppo 4 -, due parziali buoni per entrare tra i primi sei, poi un errore di guida e lo stop della Envision Virgin Racing. Partirà terzultimo, davanti a Edoardo Mortara. Il pilota Venturi non ha completato il proprio giro veloce per un problema che lo ha portato a rientrare ai box.

Peggio è andata a Oliver Turvey, protagonista di un botto nelle libere del mattino e costretto a guardare la qualifica dai box. In dubbio anche la presenza in gara, se dovesse riuscire a prendere il via partirebbe dalla pitlane.

Nelle fasi finali del Gruppo 4 sulla pista sono iniziate a cadere le prime goccioline di pioggia, non abbastanza a bagnare l'asfalto ma certo a creare fastidio ai piloti. Tra le prestazioni deludenti, Buemi è solo decimo, mentre Rowland ha portato Nissan in Superpole. Male anche Da Costa, solo 18°, causa toccata contro le barriere. A René Rast è toccata una simile sorte e un piazzamento ancora peggiore: 21°.

L'eprix di Roma scatterà alle 16:00 per la prima delle due gare del week end.

L'incidente di Turvey nelle libere