Wehrlein-Rowland al sabato, Rowland-Wehrlein alla domenica, nella qualifica del secondo ePrix di Puebla. Si conferma l'ottimo stato di forma dell'inglese di Nissan, perlomeno sul giro singolo, dove conquista la miglior prestazione nella Superpole, precedendo Wehrlein di 2 decimi.

È una sessione finale caratterizzata da tempi molto più alti dei rispettivi crono d'accesso ottenuti nella fase a Gruppi. Mediamente 5 decimi in più, con una pista anche più calda, a 53° C contro i 49° C della prima fase. In seconda fila partiranno Lynn e Mortara, anche se sul pilota Mahindra c'è un punto interrogativo, dettato dall'investigazione della direzione gara per un'infrazione tecnica.

Dennis non concretizza

Avrebbe potuto contendere la pole a Rowland, Jake Dennis. È stato il più veloce della fase a Gruppi, ma un errore in frenata, un lungo bloccaggio nel secondo settore, in inserimento nella tracciatura interna all'ovale di Puebla, ha compromesso il giro. Sarà sesto, accando a Vergne, su DS Techeetah. Tutt'altra prestazione per la seconda monoposto nero-oro: Da Costa è solo 22°, dietro Frijns. Si preannuncia un altro ePrix da correre in rimonta.

Qualifica a Gruppi

E' ancora un Gruppo 1 che affronta la qualifica con le sei monoposto tutte molto vicine, nel tentativo di sfruttare la scia sulla parabolica che porta sul dritto di partenza, specialmente il terzetto Frijns Vandoorne e Da Costa. Strategia che non paga. Quanto a Rast, compromette il giro con un traverso nel terzo settore, seguito da un fuoripista: rientrando crea un ostacolo agli altri piloti, manovra per la quale finisce sotto investigazione dei commissari e viene penalizzato con la cancellazione del giro veloce, per rientro in pista non sicuro.

E, come accaduto in gara-1 al sabato, anche la qualifica dell'ePrix di Puebla "domenicale" vede tutti i piloti del Gruppo 2 scalzare i primi 6 ad aver fatto il tempo. A mettersi in gran mostra è Jake Dennis, con una BMW a dettare il passo su Vergne e Mortara. BMW alla quale è mancato il ritmo gara nel finale, sabato, per conservare le posizioni con due macchine sul podio costruite nella prima metà di corsa. 

Rowland, Lynn e Wehrlein sono i piloti che dal Gruppo 3 staccano un tempo buono per entrare tra i papabili per la Superpole, con il pilota Nissan che si avvicina al crono di Dennis, pagando però 2 decimi. Resta in bilico, con il Gruppo 4 a dover provare la qualifica, Edoardo Mortara, sul podio sabato, veloce in gara e autore della sesta prestazione, staccato di 4 decimi da Dennis.

Nessuna sorpresa dal Gruppo 4, dove il miglior piazzato è Buemi, che porta la Nissan in ottava posizione, per una buona posizione al via ma resta preclusa la Superpole. Bene anche Blomqvist, nono, e Nato 12°.

I tempi della qualifica

  1. Rowland (Nissan) - 1'23"579 (G3)
  2. Wehrlein (Porsche) -1'23"771 (G3)
  3. Lynn (Mahindra) - 1'23"823 (G3) sotto investigazione
  4. Mortara (Venturi) - 1'23"886 (G2)
  5. Vergne (DS Techeetah) - 1'23"950 (G2)
  6. Dennis (BMW) - 1'24"154 (G2)
  7. Buemi (Nissan) - 1'23"455 (G4)
  8. Cassidy (Envision) - 1'23"499 (G3)
  9. Blomqvist (NIO) - 1'23"583 (G4)
  10. Lotterer (Porsche) - 1'23"636 (G3)
  11. Guenther (BMW) - 1'23"640 (G3)
  12. Nato (Venturi) - 1'23"789 (G4)
  13. Di Grassi (Audi) - 1'23"984 (G2)
  14. Sims (Mahindra) - 1'24"179 (G2)
  15. Bird (Jaguar) - 1'24"292 (G2)
  16. Sette Camara (Dragon) - 1'24"445 (G4)
  17. Vandoorne (Mercedes) - 1'24"736 (G1)
  18. Evans (Jaguar) - 1'23"756 (G1)
  19. De Vries (Mercedes) - 1'24"811 (G1)
  20. Turvey (NIO) - 1'24"840 (G4)
  21. Frijns (Envision) - 1'24"907 (G1)
  22. Da Costa (DS Techeetah) - 1'24"911 (G1)
  23. Eriksson (Dragon) - 1'25"203 (G4)
  24. Rast (Audi) - 1'27"761 (G1) (tempo cancellato)