Dopo un sabato da dimenticare, per Mercedes è una domenica di tutt'altro segno, quella che porta a gara-2 dell'ePrix di Berlino. Non c'è Nick De Vries, leader di campionato, davanti a tutti dopo la qualifica ma Stoffel Vandoorne. Firma la pole con due tempi sotto l'1'07", limite che solo il belga e Oliver Rowland su Nissan sono riusciti ad abbattere nel giro decisivo.

L'editoriale del Direttore: Batte ancora forte il cuore del Ferrarista

Una pole che arriva con le notizie di un disimpegno Mercedes, unico costruttore a non aver ancora ufficializzato le proprie intenzioni sul campionato che partirà nel 2023 e segnerà il debutto delle monoposto Gen3. Va verso l'uscita dal campionato, perlomeno in forma di team ufficiale, la casa di Stoccarda.

Evans un posto al sole

Questo per quanto attiene al futuro. Il presente dice di una lotta per il mondiale tutta da scrivere e nella quale è Mitch Evans su Jaguar a prendersi una posizione invidiabile. Partirà terzo, seconda fila nonostante un giro di Superpole tutt'altro che perfetto. Davanti ha Rowland, accanto Sims. L'altra monoposto spinta da un powertrain Mercedes a guadagnare l'accesso in Superpole è la Venturi di Norman Nato. Con Mortara 11°, secondo nel mondiale Piloti, è l'altra macchina del team diretto da Susie Wolff a confermare le buone prestazioni del sabato. Purtroppo per Nato un problema tecnico gli ha impedito di effettuare il giro di qualifica decisivo. Partirà sesto, terza fila condivisa con Tom Blomqvist, sorpresa della qualifica con la sua NIO.

ePrix Berlino: gara1 a Di Grassi, Mortara in corsa per il titolo

I 3 punti + 1 guadagnati da Vandoorne con il giro più veloce della fase a Gruppi e la pole, non spostano gli equilibri del mondiale Piloti. Sono ben 9 i piloti potenzialmente con chance di successo, da De Vries a Vergne, racchiusi in 15 punti. Il via dell'ePrix di Berlino, gara-2, è previsto alle 15:00 

La cronaca della fase a Gruppi

La qualifica inizia con Mitch Evans autore del miglior giro nel Gruppo 1, in 1'07"083. Tempi più lenti rispetto alla qualifica di sabato (da 1'06"), a tracciatura invertita nella direzione di marcia. Non brillano particolarmente Di Grassi, solo quinto, e Frijns, sesto e in difficoltà come già ieri Virgin Racing. Alle spalle di Evans, vicinissimi sia Dennis che Mortara e De Vries, separati tra i 23 e 33 millesimi l'uno dall'altro.

Diversamente dalla qualifica-1, le due DS Techeetah non riescono a ripetere la prestazione super, valsa l'uno-due in Superpole. Da Costa è solo sesto, Vergne settimo. Il migliore del Gruppo 2 è Alex Lynn, un po' a sorpresa Mahindra: 1'07"164 vale il quinto tempo. Già fuori dai giochi per la Superpole, Di Grassi: scala ottavo dopo i giri del Gruppo 2. 

Cambia tutto con i piloti scesi in pista nel Gruppo 3. I tempi si abbassano sull'1'06", Vandoorne, Rowland e Sims sono tutti sotto l'1'07" e scalzano dalla top 6 Mortara e De Vries. Mercedes sembra essere rinata, con la miglior prestazione di Vandoorne in 1'06"678, poi Rowland a confermare le prestazioni delle libere. Sims segnala una Mahindra in gran spolvero in vista di gara-2, sebbene con un ritmo sulla distanza tutto da verificare. Per una Porsche, quella di Wehrlein, esclusa dalla Superpole, c'è la monoposto di Lotterer, quinto davanti a un Dennis, insieme a Evans, tra i migliori piazzati nel mondiale Piloti e in qualifica, verso la Superpole.

Sorprese che non mancano nemmeno nel Gruppo 4. Sono Nato e Blomqvist a entrare tra i primi sei. Se la presenza del francese di Venturi era "prevedibile" viste le prestazioni espresse ieri, assolutamente inattesa è la quinta piazza provvisoria di Blomqvist su NIO. 

In Superpole, così, accedono Evans, Blomqvist, Sims, Nato, Rowland e Vandoorne. Il neozelandese di Jaguar è il miglior piazzato nel mondiale, quarto con 90 punti contro i 95 di De Vries, 92 di Mortara, 91 di Dennis.

I tempi della Qualifica e Superpole

  1. Vandoorne (Mercedes) - 1'06"794 - 1'06"678 (G3)
  2. Rowland (Nissan) - 1'06"925 - 1'06"711 (G3)
  3. Evans (Jaguar) - 1'07"010 - 1'07"083 (G1)
  4. Sims (Mahindra) - 1'07"041 -1'06"887 (G3)
  5. Blomqvist (NIO) - 1'07"106 -1'06"916 (G4)
  6. Nato (Venturi) - s.t. - 1'06"806 (G4)
  7. Lotterer (Porsche) - 1'07"088 (G3)
  8. Buemi (Nissan) - 1'07"100 (G4)
  9. Dennis (BMW) - 1'07"106 (G1)
  10. Wehrlein (Porsche) - 1'07"114 (G3)
  11. Mortara (Venturi) - 1'07"139 (G1)
  12. Sette Camara (Dragon) - 1'07"150
  13. De Vries (Mercedes) - 1'07"162 (G1)
  14. Lynn (Mahindra) - 1'07"164 (G2)
  15. Da Costa (DS Techeetah) - 1'07"177 (G2) 
  16. Vergne (DS Techeetah) - 1'07"190 (G2)
  17. Di Grassi (Audi) - 1'07"209 (G1)
  18. Gunther (BMW) - 1'07"227 (G3)
  19. Rast (Audi) - 1'07"268 (G2)
  20. Turvey (NIO) - 1'07"300 (G4)
  21. Frijns (Virgin Racing) - 1'07"325 (G1)
  22. Bird (Jaguar) - 1'07"365 (G2)
  23. Eriksson (Dragon) - 1'07"461 (G4)
  24. Cassidy (Virgin Racing) - 1'07"980 (G4)