È davvero difficile stilare una classifica delle corse di Formula 1 più entusiasmanti tra le oltre 800 che si sino disputate dal 1950 a oggi? Quelle cioè "cult". Questioni di gusto, di preferenze, di opinioni. Di punti di vista. Autosprint ha provato a selezionarne 30. Scelte non per come si sono svolte, per chi ha vinto o perso, ma per gli episodi che le hanno segnate; e che sono diventati pagine di storia dello sport automobilistico. Si tratta dunque di trenta episodi che abbiamo giudicati indimenticabili.
 
A cominciare da quello, del 1979, che vide protagonisti al Gran Premio di Francia Gilles Villeneuve e Renè Arnoux: gli ultimi 6 giri più famosi della Formula 1. I due non si giocavano la vittoria ma il secondo posto e, soprattutto, la faccia. Di uomini coraggiosi, che non mollano, che non si arrendono. Che danno il massimo di se stessi per il piacere di farlo. Quelle ruotano sono da incorniciare. E ancora oggi, 31 anni dopo, quel Gran Premio di Francia a Digione è ricordato per la sfida mozzafiato tra l'indimenticabile Villeneuve e Arnoux. E non per il primo successo della Renault di Jabouille, il primo di un motore sovralimentato mediante turbocompressore in Formula 1.
 
Con lo stesso criterio, che non considera la classifica finale, è stato scelto il Gran premio di Olanda del 1973: un uomo, David Purley, che tenta inutilmente e disperatamente di salvare un altro pilota, Roger Williamson, rimasto intrappolato nella monoposto in fiamme. In quel nobile gesto abbiamo ritenuto ci fosse la vera sostanza di quella corsa: l'eroismo di un pilota. Il coraggio allo stato puro di un uomo. L'umanità e l'altruismo. La generosità.
 
E che dire poi del Gran Premio del Giappone del 1989, del contatto volontario di Alain Prost contro il compagno di squadra Ayrton Senna? Una rivalità, quella tra i due della McLaren, così evidente – e appunto per questo indimenticabile – da sfociare in una lotta senza quartiere. E poco importa che a vincere fosse stato Alessandro Nannini, al suo primo e unico successo in Formula 1. Se dite GP Giappone 1989, quel Gp sarà sempre ricordato comne quello della chiusura di "Prost a Senna", che provocherà la vendetta del brasiliano l'anno successivo.

Tra i trenta episodi che abbiamo scelto, c'è anche quello del successo di Sebastian Vettel al GP d'Italia 2008. Non l'abbiamo inserito solo perchè ha rappresentato la prima affermazione in Formula 1 del nuovo campione del mondo, ma perché è stato il primo – e ancora unico – successo della Toro Rosso. Lo spieghiamo meglio: per moltissimi appassionati italiani quella è stata una vittoria della Minardi, come appunto si chiamava la scuderia prima che passasse sotto il controllo della Red Bull e dell'ex pilota Ferrari Gerhard Berger. Nei ricordi dei tifosi italiani la Toro Rosso era cioè ancora la Minardi di Giancarlo Minardi. Un personaggio che in Formula 1 ci è stato parecchio malgrado i mezzi economici sempre scarsi, mai sufficienti.
 
Non siamo così presuntuosi da ritenere i 30 episodi scelti – il numero è conseguente allo spazio a disposizione – come il meglio della lunga storia della Formula 1. Come tutte le antologie, essi rappresentano una sintesi tra centinaia di fatti. È per questa ragione che ci interessano le vostre opinioni, e ci piacerebbe sapere se, oltre agli episodi che abbiamo deciso di raccontare, ve ne sono altri che voi giudicate significativi e importanti.

Cominciamo dalla trentesima posizione, la classifica sarà aggiornata quotidianamente

I 30 GP più belli dal 5° al 1°


I 30 GP più belli dal 10° al 6°

I 30 GP più belli dal 15° al 11°

I 30 GP più belli dal 20° al 16°

I 30 GP più belli dal 25° al 21°

I 30 GP più belli dal 30° al 26°