Sarà scaramanzia, sarà non voler dare tutto per scontato, sarà la voglia di non rovinare lo show, ma alla fine delle prove del venerdì Sebastian Vettel preferisce evidenziare i distacchi del mattino anziché quelli del pomeriggio (in cui ha rifilato più di 6 decimi a tutti): «Saremo molto ravvicinati in questo fine settimana, come abbiamo visto nella prima sessione di prove. Anche domani in qualifica, con un po' di macchine separate da pochi centesimi di secondo. Ci sono alcune cose che dobbiamo ancora fare per ottimizzare l'auto, in quanto vi sono due o tre curve dove scivoliamo più di quanto vorremmo. Oggi è tutto positivo, ma è solo un venerdì». Il concetto che si è solo all'inizio viene ripreso pure da Mark Webber, che afferma: «Ci sembra vada bene qui, anche se è solo venerdì. Ma sembrava ok anche il venerdì a Spa, e poi alla fine mi sono ritrovato terzo. Ma, detto questo, la macchina si comporta bene, anche se abbiamo un po' di lavoro da fare per prepararci per la gara, per cui vedremo domani». Maurizio Voltini