La seconda sessione di prove libere a Suzuka vede il "ribaltamento" delle prime file rispetto al mattino: così adesso davanti ritroviamo le Red Bull con le Mercedes dietro. Vettel ha infatti preceduto Webber di 17 centesimi e Rosberg di 26, mentre davanti a Hamilton 6° si sono intromesse le Lotus di Raikkonen (a 35 centesimi) e Grosjean (a 55 centesimi). Poco più in là un ottimo Ricciardo 7° a precedere Massa 8° a 8 decimi. A più di un secondo troviamo Button 9° e Alonso 10°: va detto che lo spagnolo è finito in testacoda per aver affrontato troppo duramente il cordolo interno alla Degner proprio nel giro di qualifica simulata, per cui il suo crono non fa molto testo anche perché si è poi ritrovato con le gomme rovinate. Anzi, va segnalato che entrambe le Ferrari hanno mostrato un passo non troppo lontano da quello delle Red Bull nelle prove sulla distanza, per cui questo fa ben sperare per la gara, anche se probabilmente non abbastanza da togliere la supremazia alle RB. Quello di Alonso peraltro non è stato l'unico, fra i molti errori visti in pista: in particolare non sono arrivati a fine sessione Maldonado, Perez e Raikkonen. Ricordiamo che trovate qui tutti i tempi delle prove, e che il prossimo appuntamento con la pista è per la terza sessione di prove alle ore 4 italiane, che noi commenteremo alla loro conclusione. ore 08.30 - In ultimo sia Massa che Alonso, avendo "finito" le gomme, passano rispettivamente alle hard e alle medie, ma senza modificare i risultati. Così la sessione finisce con Vettel e Webber davanti a tutti. ore 08.20 - Nonostante sia ormai tanto che si gira, la pista sembra ancora piuttosto difficile, tanto che anche Vettel fa un largo alla Spoon. Mentre Di Resta va in testacoda, e poi Webber si lamenta di lui a gesti per averlo trovato davanti mentre è impegnato nella sua simulazione di gara. ore 08.10 - Nelle prove sulla distanza, Massa sta girando abbastanza bene sul passo di 1'39, quindi appena peggio delle Red Bull (mediamente su 1'38"5). Mentre Alonso sta girando con le Pirelli hard (avendo rovinato quelle medie nel precedente testacoda) e sta sul piede di 1'40". ore 08.00 - Quando si è ormai passati alle prove sulla distanza, Raikkonen perde il retrotreno alla fine della sequenza di esse e finisce nella ghiaia all'esterno della curva Dunlop, restando insabbiato: per lui prove finite. Così come in precedenza per Maldonado e Perez. ore 07.45 - Situazione a metà sessione: 1° Vettel seguito da Webber, Rosberg, Raikkonen, Grosjean, Hamilton, Ricciardo, Massa, Button e Alonso. ore 07.40 - Quando si iniziano ad utilizzare le Pirelli medie, quelle più morbide disponibili a Suzuka, si mette al vertice dapprima Webber per essere poi superato da Vettel con il tempo di 1'33"852. Alle loro spalle Rosberg e Hamilton, ma fra le due Mercedes si inseriscono le Lotus di Raikkonen e Grosjean. Bel tempo anche per Ricciardo, 7° a 6 decimi dal vertice, ma fa scivolare indietro Massa all'8° posto nella graduatoria. Mentre Alonso va in testacoda dopo aver toccato un po' duramente il cordolo alla Degner e così non va più in là, successivamente, del 10° tempo alle spalle di Button. ore 07.20 - Incidente anche per Perez: all'ingresso della Spoon Curve mette le ruote leggermente fuori dall'asfalto in frenata e la macchina gli parte immediatamente in testacoda, andando a sbattere contro le protezioni all'indietro. ore 07.15 - Ritorna al vertice Vettel con il tempo di 1'34"487, ma soprattutto abbiamo Maldonado che va a sbattare anche lui alla Degner 2, la stessa curva degli incidenti di Bianchi e Van der Garde al mattino. Il fondo pista è ancora un po' difficile, come testimoniano diversi bloccaggi in frenata. ore 07.10 - Il primo top driver a segnare un tempo di vertice è Vettel, che però viene scavalcato da Rosberg e da Hamilton, al vertice in quest'ordine e separati di soli 36 millesimi. ore 07.00 - Quando si accende il semaforo verde alla fine della pit-lane, nessuno è ancora pronto a partire, ma dopo un po' arrivano Maldonado, Hulkenberg e Chilton. Mentre non dovrebbe girare Bianchi, questo pomeriggio, sia perché gli è stato consigliato riposo per la botta al gomito nell'incidente del mattino, sia perché i meccanici stanno ancora lavorando sulla sua macchina. Prendono il via alle ore 7 italiane, quando a Suzuka sono le 14, le prove libere pomeridiane per il GP del Giappone, accompagnate dalla nostra cronaca diretta sul web e su Twitter. Il tempo sta peggiorando sulla pista e qualcuno teme possa arrivare a piovere: vedremo come proseguiranno i test, che solitamente in questa fase vedono i team prendere maggiore confidenza con le due mescole di gomme disponibili - qui medium e hard, con banda bianca e arancione - e i relativi assetti, oltre a prove sulla distanza. Ricordiamo che la pista di Suzuka misura 5.807 metri e presenta la possibilità di azionare l'ala mobile solo sul rettilineo di partenza. Maurizio Voltini CircuitoSuzuka