Ultimo avvistamento confermato: Dubai. Fernando Alonso ha già iniziato la sua preparazione invernale. E come l’anno scorso, ha deciso di iniziare dal Medio Oriente. L'hanno visto sull’aereo per Dubai, dove si allena in bicicletta sulle strade che attraversano il deserto. Fra Dubai e Bahrain, dove si stanno svolgendo i test della Pirelli, ci sono un migliaio di chilometri via terra. A farli in bici, è lunghetta. Ma in aereo basterebbe un’ora. Solo che Fernando ha lasciato il compito a Pedro de la Rosa, con la Ferrari F138 (la “Speranzosa”) e le nuove mescole e costruzioni destinate al 2014. Le condizioni meteo a Sakhir sono ideali, ma a parte Rosberg con la Mercedes, nessuno dei big (smentita per ora l’idea che Vettel rilevi Buemi sulla Red Bull) intende partecipare. E sì che ci sarebbero indicazioni utili da trarre. Per esempio, che con i futuri motori turbo ci si aspettano temperature del battistrada superiori di circa 10 gradi a quelle attuali, per via del maggiore pattinamento. E che la Pirelli ha reagito di conseguenza con mescole più resistenti e meno prestazionali. Per il resto, dai test c’è poco da segnalare: le squadre vedono tutti i dati, ma non sanno letteralmente con quali combinazioni mescola/costruzione stanno provando! Le differenze nei tempi sul giro possono essere notevoli. Ma sono tutte cose che Alonso e gli altri scopriranno solo in un secondo tempo, nei test di gennaio a Jerez. Sperando che Nando non faccia come l’anno scorso, lasciando a Pedro e all’altro pilota tutto l’onere delle prove.