In occasione della presentazione della nuova Ferrari F14T anche i piloti hanno detto la loro, senza tuttavia sbilanciarsi a commentare la nuova monoposto - né la sua estetica - e pensando piuttosto alla nuova stagione. Fernando Alonso commenta le modifiche regolamentari da un punto di vista meno tecnico: «Sicuramente ci sono dei cambiamenti quest'anno che porteranno a delle modifiche anche nello stile di guida. Ci saranno delle regole molto diverse e siamo tutti molto curiosi di vedere come andrà questa Formula 1. Penso che come squadra siamo molto forti, io e Kimi siamo stati vincenti in passato, ma in tutte le stagioni e soprattutto quest'anno è tutto nuovo e si riparte da zero. Se facciamo bene saremo una grande squadra, un team molto forte, ma se non facciamo tutto perfettamente allora un'altra squadra sarà più forte e allora tocca a noi adesso fare tutto al meglio possibile». Guarda il VIDEO Piuttosto loquace Kimi Raikkonen, che ricorda anche il passato ma sempre in ottica futura: «È bello tornare in Ferrari, la squadra con cui ho vinto il titolo nel 2007. Ovviamente l'obbiettivo ora è lo stesso: vogliamo fare il meglio possibile, cercare di vincere le gare. E provare a vincere i titoli. Il tempo ci dirà cosa accadrà, ma sicuramente l'obbiettivo è lottare per il Mondiale. Se mi manca guidare una Formula 1? Non proprio. Voglio dire, è stato positivo avere una pausa, dovevo fare una piccola operazione, quindi non avevo davvero scelta se volevo essere in forma al 100 per cento per la nuova stagione. Quindi ho pensato fosse una buona opzione; di fatto l'unica, era un buon momento per fare questa operazione. Penso che quest'anno avremo abbastanza tempo per correre e divertirci guidando una F1, quindi non è un problema. Se siamo il team più forte? Speriamo di esserlo. Ovviamente penso che entrambi andiamo molto forte ed entrambi vogliamo vincere. Il tempo ci dirà cosa succederà e se saremo in grado di riportare il Mondiale in Ferrari. Ma direi che ci sono molti altri aspetti, in particolare le nuove regole, per avere i risultati che vogliamo. Penso comunque che siamo entrambi esperti e che potremo entrambi lottare per i titoli in palio». Guarda il VIDEO Maurizio Voltini