È scesa in pista in versione camouflage, in bianco e nero con tante righe orizzontali e diagonali. La nuova Red Bull RB11 si è presentata in pista a Jerez con questa veste grafica. Un accorgimento che serve a nasconderne le forme esatte e che rende più difficile notare le soluzioni aerodinamiche, per non avvantaggiare la concorrenza. Come aveva fatto la Porsche 919 H Endurance nei primi test e come molti auto stradali ancora non definitive. A portarla in pista Daniel Ricciardo, subito tra i più attivi nel percorrere giri senza interruzioni. Dice Rob Marshall, nuovo direttore tecnico del team dopo che Adrian Newey ha ridimensionato il suo coinvolgimento tecnico: “Le maggiori differenze sono sotto la carrozzeria, anche se le nuove norme sull’aerodinamica anteriore hanno contribuito a modificare numerose parti, non solo la forma del musetto". La Red Bull RB11 è arrivata pronta sul filo di lana, perché il crash test frontale e quello laterale previsti dalla Fia, sono stati superati solo nella giornata di sabato, quando la vettura era già nei garage di Jerez. Dice Cristian Horner: “Abbiamo optato per massimalizzare il lavoro di progettazione e costruzione parti per ottenere il maggiore potenziale di sviluppo. Anche se questo è andato a scapito, rispetto al passato, del lavoro di messa a punto in pista e al simulatore”. Per Adrian Newey però la differenza principale la farà ancora una volta il motore: “Lo scorso anno il motore Renault aveva 70 cv in meno del Mercedes. Il punto centrale resta questo. Considerando che anche la Mercedes avrà sviluppato al meglio la sua unità, non credo che il quadro tecnico potrà variare di molto nel 2016. Vedremo. Per questa vettura, il lavoro tra Red Bull è Renault è stato molto più integrato. I nostri tecnici si sono occupati di problematiche che in passato erano solo dei motoristi, proprio perchè con il nuovo regolamento, tutta la power unit influenzae interagisce con tutto il progetto della vettura.” RB11 RB11 RB11 B8vtZ35IMAAWf7I.jpg-large B8vtaZTIMAAQGTy.jpg-large B8vtaSTIMAEnpDB.jpg-large