Ancora una volta Sebastian Vettel e la Ferrari sono al vertice della giornata di test a Jerez. Certo siamo ancora all'inizio, tanti stanno litigando con delle noie tecniche, ma proprio per questo è comunque un segno favorevole che il lavoro stia procedendo con intoppi limitati e linearmente. E soprattutto che il pilota tedesco si stia trovando bene sia con la monoposto che con la squadra. Tutto sta andando discretamente bene, e Seb si permette anche di scherzarci sopra: «È troppo presto per sbilanciarsi sul valore reale di questa monoposto, soprattutto considerando il fatto che non si possono fare paragoni con le altre squadre, impegnate in programmi diversi. Direi però che c’è una buona base su cui lavorare. Abbiamo girato parecchio, anche con la pioggia, provando le nuove gomme intermedie che si sono comportate molto bene, raggiungendo la giusta temperatura nonostante il freddo: un deciso passo avanti. L’applauso ai box a fine sessione? Be’, erano tutti contenti che anche girando sul bagnato non sia successo niente di male: i ragazzi hanno già abbastanza lavoro da fare, ai box…». Pure James Allison non si distoglie da questa linea, quando gli si chiede com'è andata: «Un po’ come per ieri, pur avendo registrato un buon numero di giri, non si può mai dire di avere percorso abbastanza chilometri. Concordo però con Sebastian sul fatto di avere, al momento, una buona base di partenza». Ora si aspetta di vedere se la nuova SF15-T avrà lo stesso riscontro anche con Kimi Raikkonen, che ne prenderà il volante domani (martedì): sarà l'esame definitivo.