Sebbene la pioggia avesse smesso prima dell'inizio della sessione, le prime prove libere F1 ad Austin si sono comunque svolte sul bagnato tanto che nessuno ha utilizzato le gomme slick. Tutti i tempi sono stati ottenuti con le intermedie verdi (tranne Maldonado che è rimasto fermo per problemi al cambio) e fra tutti sembra che ad impegnarsi di più sia stato Rosberg, miglior tempo per 1"2 sul primo degli inseguitori. Che è un brillante Kvyat, riuscito a precedere Ricciardo di 4 decimi. Segue un'altra macchina motorizzata Renault, la Toro Rosso di Sainz a 75 millesimi da Ricciardo. Da parte sua Hamilton ha percorso solo 4 giri classificandosi 5° a 1"7 dal compagno di squadra, seguito da Vettel staccato di 17 millesimi. Quindi l'altra STR10 di Verstappen a precedere Raikkonen: 2"0 e 2"3 i rispettivi distacchi come è di 2"8 quello di Alonso, 9° davanti a Bottas per 27 millesimi. Da segnalare la bella prova "una tantum" di Marciello, che ha percorso 19 giri (Button ne ha fatti di più con 20) segnando il 16° tempo e quindi precedendo il compagno momentaneo di squadra in Sauber, Ericsson, 17° a 3 decimi. Il prossimo appuntamento è con la seconda sessione di prove, alle ore 21 italiane. FP1

La cronaca "live"

ore 18.30 - Dopo che Vettel se ne va dai box Ferrari concludendo le sue prove a 10 giri completati, arriva la bandiera a scacchi che conclude le prime libere con questa situazione: Rosberg, Kvyat, Ricciardo, Sainz, Hamilton, Vettel, Verstappen, Raikkonen, Alonso, Bottas. ore 18.20 - Miglioramenti di Raikkonen e Button che abbassano i propri crono ma restano 8° e 13° in lista, mentre Alonso sale da 11° a 9° staccato di  2"8 dal vertice. ore 18.10 - L'unica variazione degli ultimi minuti è Massa che sale 9°. Pochi peraltro i piloti che entrano in pista, e il più delle volte fanno prove sulla distanza con le gomme intermedie, in previsione di un'eventuale gara sul bagnato, dato che le previsioni meteo non sono sicure né concordi su una gara asciutta. ore 18.00 - Questa a seguire la situazione complessiva dopo 1 ora di prove libere ad Austin. CSA5GYwWoAEGecc.jpg-large ore 17.50 - Poco dopo metà sessione, questa è la situazione ad Austin: 1° Rosberg seguito da Kvyat, Ricciardo, Sainz, Hamilton, Vettel, Verstappen, Raikkonen, Perez e Alonso. Quest'ultimo sta usando la nuova power unit Honda. ore 17.40 - Rosberg ritocca il suo crono a 1'53"989 staccando tutti di 1"2, dopo che Kvyat era salito 2° e Sainz 5°, mentre si assiste a un piccolo lungo di Bottas nel rientrare ai box, sulla corsia bagnata: ma i meccanici riescono a schivarlo. ore 17.30 - Quanto sono ormai 14 i piloti ad aver fatto segnare almeno un giro cronometrato completo, Ricciardo e Kvyat sono riusciti a portarsi 2° e 3° a circa 1 secondo da Rosberg. A seguire la situazione completa: da notare come Marciello sia stato 3 decimi più veloce del compagno (momentaneo) di squadra Ericsson. CSAyNvsWoAAhFwp.jpg-large ore 17.20 - Fra gli ultimi ad entrare in pista, Rosberg però completa subito un giro in 1'55"102. Lo segue Ericsson a 4"6 e Marciello a 6"2. ore 17.10 - È Ericsson il primo a rientrare in pista dopo il primo giro d'esplorazione, e ottiene il primo crono della giornata in 2'01"702, con gomme intermedie verdi. ore 17.05 - Pian piano entrano vari altri piloti, una decina fra cui Vettel e il nostro Marciello, oggi alla guida della Sauber. ore 17.00 - Quando partono le prime prove libere, la pioggia battente ha smesso da un po'. Ma solo Ericsson e Raikkonen si azzardano ad entrare subito, con gomme full wet.

Introduzione

Il sedicesimo round del campionato mondiale F1 2015 si corre ad Austin con la prima sessione di prove libere programmata alle ore 17 italiane (le 10 locali) seppur con l'incognita delle condizioni meteo: al momento in cui scriviamo è infatti in corso un temporale e quindi si può prevedere una sessione di scarso impegno. In ogni caso seguiremo anche stavolta con la nostra cronaca diretta tutto quello che avviene (o non avviene) in pista, sia qui sul web che su twitter (@autosprintLIVE). Per quanto riguarda l'evento in sé, si corre sul Circuit of the Americas (abbreviato Cota) in Texas, un interessante tracciato di 5.513 metri caratterizzato da una certa varietà di curve (20 in totale) e da alcuni saliscendi. Rispetto allo scorso anno sono state rimosse varie zone di erba artificiale da parecchie curve, e in alcuni casi sono stati posti dei "bump" da 50 mm appena oltre il cordolo in uscita. Sono previste due zone di attivazione del DRS: sul rettilineo di partenza e in quello compreso fra le curve 11 e 12. Si tratta di due rettifili piuttosto lunghi e nei quali è possibile superare, per cui determinano assetti aerodinamici non troppo spinti verso l'ottenimento della massima deportanza, per non penalizzare la velocità massima. In questa occasione la Pirelli ha portato le mescole intermedie in gamma, quindi la soft gialla e la medium bianca. Maurizio Voltini

La cronaca su Twitter

austin-mappa