Favorevoli o contrari, sicuramente non indifferenti. Il nuovo format a eliminazione delle qualifiche di Formula 1 ha scatenato opinioni diverse da parte di piloti e addetti ai lavori. Nettamente contrario Niki Lauda che durante la prima sessione di libere ha commentato: “Le nuove qualifiche? E’ un format molto stupido. Non capisco perché sia cambiato, ma staremo a vedere”. La pensa così anche Jacques Villeneuve: E’ un sistema sbagliato, ci sarà casino e si commetteranno sicuramente degli sbagli. Sarà sicuramente divertente da vedere, ma così è solo un gioco”. Le qualifiche saranno, come sempre, formate da tre sessioni. Durante le Q1, da 16 minuti, il peggior tempo verrà eliminato dopo dopo 7 minuti dall’apertura della pitlane. Ogni 90” successivi, poi, saranno esclusi altri sei piloti, ovvero, coloro i quali saranno ultimi allo scadere del “gong”. In 15 passeranno alla Q2, da 15 minuti. Il primo taglio si avrà dopo 6 minuti, proseguendo con lo stesso sistema, ogni 90”, per un taglio di altri 6 piloti. I restanti 8 accederanno alla Q3 e si giocheranno la pole position. F1 Australia, la cronaca delle seconde libere Tra i piloti i pareri sono contrastanti. Vettel sorride ma non sembra molto convinto: “Dopo un paio di gare non ci saranno molte differenze rispetto alle vecchie qualifiche. Pensavo che la F1 fosse già abbastanza complicata, ora l’abbiamo resa ancora più complicata”. Positivo Nico Rosberg, che considera il sistema a eliminazione un incentivo allo spettacolo: “Ci sarà casino ma sarà divertente per il pubblico”. Anche Felipe Massa, in precedenza dubbioso, ora sembra essersi convinto: “Ma sì, ci sarà più divertimento”. Il primo verdetto sabato alle 7.00 ora italiana. Francesco Colla