I team hanno imparato a conoscerle tra Monaco e Montreal, adesso per le gomme Pirelli ultrasoft si prospetta il banco di prova austriaco di Spielberg. Quanto siano più veloci, a fronte di un'elevata durata in rapporto alle supersoft si è apprezzato in Canada, pertanto a Spielberg, sul Red Bull Ring, non dovrebbero esserci novità di sorta nel comportamento della mescola più prestazionale della gamma Pirelli.

Il circuito tra le colline della Stiria è stato riasfaltato la scorsa primavera e vi ha già corso il DTM, riscontrando bassi livelli di usura, che hanno peraltro caratterizzato anche il gran premio dello scorso anno. E' pista esigente su trazione e frenata, sottolinea le doti della power unit e, tra curva 5 e il traguardo, premia anche l'equilibrio del telaio, con qualche cambio di direzione ad alta velocità e due rapide curve finali difficili da interpretare.

I top team limitano a pochi treni di gomme la scelta delle morbide: Hamilton avrà due set, come Massa, le Ferrari, Rosberg, Bottas, appena uno. Ben 9  set di gomme ultrasoft per Vettel e Raikkonen, uno in più dei due Mercedes e due più di Williams, Red Bull e Force India; solo le Renault hanno seguito la medesima allocazione per le Pirelli con la banda viola. 

 

Piuttosto diversa dalle scelte dei vari piloti, quella operata per la Williams di Bottas, con 7 treni di ultrasoft, ben 5 di supersoft e 1 di soft. Chi non azzarda e preferisce bilanciare maggiormente fra le tre mescole offerte per il week end in Austria l'allocazione dei 10 treni a libera scelta è la Haas. 

Briatore, alla Ferrari serve un po' d'Inghilterra

Sterzi a parte, il calendario F1 non dev'essere più un'arma