F1 Spa, Lauda: "Verstappen da visita psichiatrica"

Il comportamento di Spa non è piaciuto affatto all'austriaco, che anticipa parlerà con il padre Jos: "E' andato oltre il limite"

Redazione

29 agosto 2016

Ci va giù deciso, come suo solito, Niki Lauda nel commentare la guida di Max Verstappen nel Gran Premio del Belgio. Si unisce al coro di quanti hanno accusato il pilota olandese di un comportamento scorretto, in particolare nella manovra effettuata sul rettilineo del Kemmel per ostacolare deliberatamente Raikkonen. L’intenzionalità del gesto la cosa più grave e assurda.

Spa ha rappresentato il terzo momento di confronto tra Kimi e Max, solamente in Spagna rimasto entro i limiti del buonsenso, non fosse altro per la mancanza di reali possibilità di sorpasso. Ungheria e Belgio hanno alzato la temperatura del duello e secondo Lauda  il vaso è colmo: «Lo stile di guida aggressivo, questo muoversi, non può farlo. L’ha già fatto in Ungheria, non puoi continuamente cambiare traiettoria. Le lamentele di Kimi erano pienamente giustificate».

Tanto per chiarire il concetto, alla tv tedesca RTL aggiunge: «Quando dice che la colpa è di Kimi è da reparto di psichiatria. I piloti non devono mettersi a rischio a vicenda senza motivo». Visto il personaggio, sembra molto difficile che la pioggia di critiche piovutagli addosso riuscirà in qualche modo a fargli cambiare approccio e guida, ma anche solo a scalfirlo.

«Parlerò a suo padre Jos, so esattamente cosa gli dirò: “Parla con il ragazzo, quello che ha fatto è ampiamente oltre il limite e non è necessario”. Deve far crescere il suo talento e vincere le gare, ma con questi errori non vincerà.

Verstappen e la generazione Playstation

Ha un talento sconfinato, è il talento del secolo, deve guardarsi intorno però e non mettere a rischio gli altri piloti, con i quali deve confrontarsi lealmente in pista», la visione del tre volte campione del mondo. 

Le pagine da girare prima di Monza

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi