Ha una lotta ristretta da vincere, quella per il titolo di GP2. Dieci punti dividono Antonio Giovinazzi (reduce dagli ottimi risultati del round di Monza) dalla testa del campionato, dal compagno di scuderia Pierre Gasly. E se il pilota francese ha già maturato una prima presa di contatto con il mondo della Formula 1, lui che è terzo pilota Red Bull, il talento di Martina Franca ha mosso oggi il primo passo importante: una giornata trascorsa al simulatore Ferrari, a suo modo approccio con le procedure e le sensazioni di una monoposto di Formula 1. 

«Sono molto soddisfatto e ringrazio la Ferrari per questa opportunità, ora però tornerò da subito a concentrarmi completamente sul mio programma GP2 per questa stagione», ha commentato il 22enne impegnato quest'anno con il team Prema nella categoria propedeutica alla massima formula. 

Il lavoro al simulatore lo ha visto girare su due circuiti, Monza e Singapore - prossima tappa del mondiale di Formula 1, non presente invece nel campionato di GP2, che tornerà in azione in Malesia nel week end dal 30 settembre al 2 ottobre, penultimo round della serie che si concluderà con le gare ad Abu Dhabi dal 25 al 27 novembre.