Sean Bratches ha anticipato alcune delle novità che la Formula 1 2018 porterà ai tifosi. Una mole superiore di dati ai quali accedere, anzitutto: contenuti che Liberty Media intende valorizzare, offrendoli all'utente più esigente e appassionato, ovviamente a pagamento. Sul fronte televisivo, l'ufficializzazione di uno scenario italiano da tempo prospettato, con 17 gare su 21 che saranno trasmesse in diretta esclusiva da Sky, è accompagnata da discussioni su come migliorare la fruizione del prodotto Formula 1. Gli esperimenti in tal senso, sul finire dello scorso campionato, hanno riguardato anzitutto l'amplificazione del rumore delle power unit, con risultati allora non esattamente centrati sull'obiettivo prefissato.

Liberty Media e detentori dei diritti tv si sono incontrati questa settimana e, secondo quanto riporta la BBC, sul tavolo sono finite una serie di idee che potrebbero essere integrate già da quest'anno. Alcuni dei rumours circolati potrebbero incrementare l'esperienza dello spettatore seduto in poltrona, altre prospettive, invece, sembrano riprendere abitudini proprie di uno spettatore d'Oltreoceano, distante dal più esigente e “conservatore” appassionato europeo.

Tra le idee, la possibilità di spostare la partenza dei gran premi europei di un'ora, alle 15:00 anziché alle 14:00, e lo spegnimento dei semafori alle 15:10 anziché allo scoccare dell'ora. Altra proposta discussa, rendere il Gran Premio del Bahrain una gara con partenza di notte e non al tramonto. Relativamente all'incremento della spettacolarità delle riprese - detto che Sky Italia ha annunciato la trasmissione dei 21 gran premi 2018 in definizione 4K per i clienti Sky Q - quest'anno dovremmo assistere a un complessivo riposizionamento dei microfoni a bordo delle monoposto, con l'obiettivo di incrementare il rumore che si percepirà in tv. Una maggior sensazione di velocità arriverà dall'utilizzo di un numero superiore di telecamere statiche, nonché da diverse angolazioni di ripresa.

Nel mirino: Non è la Rai... che vuole perdere la F1

Altra ipotesi discussa, la possibilità che durante il gran premio vengano proposti i momenti salienti della corsa, un utile “riempitivo” delle fasi di stallo. Ultimo rumour trapelato dall'incontro, quello che potrebbe essere battezzato come lo “stacchetto musicale”, sullo sfondo di alcuni momenti della gara: qualcosa che sa molto di modo di vivere le corse all'americana, difficilmente apprezzabile dall'utente tradizionalista. Per ora restano proposte, alcune decisamente più interessanti di altre.