Inizia domani, lunedì 18 febbraio, la prima serie di 4 giornate di test precampionato Formula 1 a Barcellona, che si protrarrà quindi fino a giovedì 21 febbraio. La seconda serie, sempre di 4 giorni, sarà invece dal 26 febbraio al 1 marzo sempre sul circuito catalano. La scelta del tracciato causò qualche polemica l'anno scorso, per via del maltempo invernale: tuttavia, al momento sono previste condizioni meteo abbastanza favorevoli, con cielo nuvoloso giusto martedì.

Ovviamente saranno presenti in pista le varie nuove monoposto presentate nei giorni scorsi, salvo l'Alfa Romeo ex Sauber, che sarà ufficializzata domattina ma comunque si è già fatta vedere in pista a Fiorano per uno shake-down. Va inoltre aggiunto che la Williams è ancora in ritardo e, dopo aver saltato il previsto "filming day", non dovrebbe riuscire ad essere in pista nemmeno nella prima giornata di test.

Per quanto riguarda i piloti e come si alterneranno in pista, mostriamo le previsioni degli organizzatori di Barcellona, fermo restando che non si tratta di presenze "scolpite nella pietra" e che le squadre avranno facoltà di cambiare programma in qualsiasi momento a seconda delle esigenze momentanee. Oltretutto va sottolineato che ad aver davvero confermato in prima persona tali lineup di piloti in pista sono state finora solo Renault, Haas, Toro Rosso e, almeno per il primo giorno, Mercedes. La variabilità è possibile anche in tema di orari: il programma prevede attività in pista dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18, ma qualora si renda necessario recuperare del tempo (per eccesso di bandiere rosse o per nebbia al mattino) è possibile si salti la pausa pranzo.

Notiamo come ci sia chi ha deciso di impiegare un solo pilota a giornata, come Ferrari e Red Bull, e chi invece abbia preferito alternare i due piloti ufficiali tra mattino e pomeriggio, come Mercedes e Renault. Solitamente è chi prevede di fare chilometraggi molto elevati a propendere per la seconda scelta, in modo da non affaticare troppo i propri driver. Chi invece mira ad effettuare molte modifiche sulle macchine, che richiedendo molto tempo ai box non favoriscono la percorrenza chilometrica, di solito opta per la prima scelta.

Si può inoltre vedere come ci sia anche chi non metterà al volante solo i piloti "di prima linea", ma pure riserve e tester. È questo il caso della Haas, che nelle ultime due giornate impiegherà in pista anche Pietro Fittipaldi, come pure della Williams che, almeno nelle previsioni iniziali (vedremo se il cambio di programma influirà in questo senso), voleva sfruttare il canadese Nicholas Latifi. Come sempre, vedremo poi effettivamente in pista cosa succederà davvero.

Ricordiamo infine che seguiremo in diretta "live" tutti questi test precampionato a Barcellona, in parallelo su web e Twitter, tramite il nostro canale dedicato @autosprintLIVE.