Spa e Monza, sulla carta, più che alla Renault sembrano essere piste favorevoli a una McLaren che guida il gruppo di squadre di seconda fascia dal quarto posto nel mondiale Costruttori che diventa quasi utopia per il team francese.

Belgio e Italia, gare decisive per la stagione Renault. Il giudizio è di Nico Hulkenberg, stando ai rumours di mercato ai titoli di coda dell’esperienza biennale nel box giallo-nero. Potrebbero arrivare già nella giornata di giovedì le prime notizie con il sigillo dell’ufficialità su cambi di sedile nell’aria: Ocon in Renault, Hulkenberg in Haas al posto di Grosjean. Queste le carte sul tavolo, quasi scoperte.

SPA E MONZA, SI DECIDE IL QUARTO POSTO

L’acuto più importante della prima metà di stagione poteva arrivare a Hockenheim, un errore di guida però ha tolto Nico dalla battaglia per le posizioni più in vista. Un campionato molto al di sotto delle previsioni, quello Renault.

“La pausa estiva è stata la benvenuta, dopo un mese di luglio deludente. Sappiamo come la stagione sia andata al di sotto delle nostre aspettative finora, sta a noi assicurarci di recuperare nelle gare restati.

Leggi anche: Wolff: sviluppo della power unit senza soste

Le prossime due gare in sequenza possono quasi decidere le sorti della nostra stagione e dobbiamo esserci”, commenta Hulkenberg.

IMPREVEDIBILITÀ DA SFRUTTARE

“Penso che Spa si addica al mio stile di guida e punteremo a un week end solido per dare inizio alla seconda metà della stagione con il piede giusto.

Leggi anche: Albon: Red Bull un gran passo che non spaventa

Il giro è lungo e con tante cose da centrare, può essere problematico trovare il giusto bilanciamento della macchina. Serve alto carico in alcune curve nel settore centrale, senza eccedere per conservare una buona velocità massima sui rettilinei.

Può capitare di tutto e sappiamo come può emergere una grande opportunità; anche il meteo può essere strano, può piovere in una parte e essere asciutto altrove”.