Due delle gare meno favorevoli sono alle spalle. Penalizzazioni scontate per presentarsi a Singapore nelle condizioni migliori per provare a vincere.

Red Bull dovrà ripartire dal rendimento mostrato a Budapest, allora un passo buono per insidiare Hamilton. Marina Bay darà importanti risposte, su Red Bull e sulla sfida con una Ferrari che si presenterà aggiornata, nel tentativo di recuperare prestazione su circuiti tortuosi. 

Aspetta la gara di Singapore sin dalla bandiera a scacchi di Monza, Max Verstappen. “E’ una delle mie piste preferite, è molto impegnativa, fa caldo, si suda molto ed è esigente sul piano fisico.

WEEK END NORMALE CERCASI

È una gara nella quale tendiamo a fare meglio rispetto a, diciamo, Monza e Spa. L’anno scorso conclusi secondo, speriamo di poter correre un altro buon fine settimana”.

Leggi anche: Ocon, 2020 di 'costruzione' in Renault

Per riuscirci conterà essere davanti sin dalla qualifica, velocità da prima fila per potersela giocare e sfruttare un passo gara finora risultato superiore alla prestazione espressa al sabato. “Superare è molto difficile, quindi la qualifica è la chiave, devi centrarla. Non vedo l’ora di correre un week end di gara normale e speriamo di non partire di nuovo fuori dalla posizione, perché rende le cose più difficili.

Puntiamo al bottino massimo di punti, davvero non vedo l’ora”. Ambizioni chiare.

ALBON CORRE "IN CASA"

Del GP di Singapore sarà interessante leggere anche i progressi di Alex Albon, lui che sarà rookie tra le strade e le curve infinite – con 23 pieghe è primatista in calendario – di Marina Bay: “Per me è un circuito nuovo e sarà la prima volta a Singapore, sono curioso di vedere com’è.

Leggi anche: Pirelli, GP Singapore: solo un set di gomme dure per la Ferrari

Ho sentito come sia una delle gare più impegnative dal punto di vista fisico che corriamo durante l’anno, per l’umidità e per la lunghezza della gara, in più è una corsa su un circuito cittadino che lascia molto meno margine d’errore. Sarà un bel divertimento non avendo mai corso su nulla di simile.

Singapore è anche una specie di gara di casa per me, il GP più vicino alla Thailandia, così avrò un extra di familiari che verranno a supportarmi”