Meno di 2 decimi a dividere Max Verstappen da Lewis Hamilton, al termine del venerdì in notturna di Singapore. Un anno fa, la qualifica si decise nell’ordine dei 3 decimi di gap. Dopo due sessioni di prove, Max cataloga l’avvio tra quelli positivi, sensazioni di libere 2 completate dal miglior crono al pomeriggio.

Registra le sensazioni buone per proseguire da candidato sfidante di un Lewis naturale favorito e inarrivabile sul passo gara con gomma morbida.

Lavoro differenziato rispetto a Mercedes nella simulazione del ritmo gara, esercizio che ha visto Verstappen iniziare con gomma morbida, un run da 8 giri, prima di passare alla gomma dura. E i due giri da 1’45”6 e 1’45”4 sono insolitamente rapidi se confrontati al passo ottenuto con le Pirelli C5. Indiretto segnale di un potenziale ancora da esprimere sul passo con gomma morbida.

GP di Singapore, libere 2: Hamilton si riprende il vertice

Il run inizia da 1’46”0, il traffico in pista condiziona una sequenza stabile, che vede tempi da 1’45”6-1’45” alto. La differenza rispetto a Hamilton, stando al cronometro, è sensibile, Lewis sul piede del 1’44” alto-1’45” basso nel suo run. 

“Sì, è stata una buona giornata, abbiamo provato alcune cose nuove che hanno funzionato e siamo sembrati competitivi”, dice a caldo Max.

"Ho trovato traffico nell'ultimo settore della simulazione di qualifica e ho migliorato solo di 2 decimi rispetto al tentativo con gomma dura, vuol dire che abbiamo di più da esprimere. Anche Lewis è molto veloce ma in generale sono molto contento. Qui la qualifica conta al 95% sul risultato totale”.

ALBON MIRA ALLA TOP-4

Se Max Verstappen si candida a sfidante per la vittoria, le libere di Singapore per Alexander Albon dovevano servire a prendere le misure al tracciato, inedito per il deb. Un lungo nelle libere 2 si risolve senza grandissimi danni alla Red Bull, eccezion fatta per l’ala anteriore danneggiata. Da verificare al sabato, libere 3, il potenziale che riuscirà a tirar fuori dalla RB15. Chiude quinto a 1”1 da Hamilton nella sua miglior performance di giornata.

Non è stata una giornata grandiosa, non ho girato abbastanza (30 passaggi nelle FP2, in media con gli altri piloti; ndr).

Ho iniziato ad abituarmi alla macchina, registrare le prime sensazioni. Spero domani potremo giocarci la prima o seconda fila, questo è il nostro obiettivo”, racconta a fine prove.