Bicchiere mezzo pieno: qualifiche terminiate con il quarto tempo, davanti a Bottas e dietro Hamilton. Bicchiere mezzo vuoto: 5 posizioni di penalità da scontare per la sostituzione del V6 Honda, che fanno precipitare Verstappen al nono posto, costringendo l’olandese a una gara tutta in rimonta. Non le migliori premesse per iniziare il weekend di gara.

"Ho sempre saputo che le qualifiche sarebbero state difficili  - Ha detto Max - Su un circuito conta molto la potenza del motore, ma il giro è stato buono e non c'era molto altro da fare. Il vento è aumentato e  ci ha messo in difficoltà nel terzo settore, il nostro punto di forza, quindi non ho potuto sfruttare tutto il potenziale dell'auto. Ieri siamo andati bene, ma evidentemente la Ferrari non stava girando a piena potenza, come ha fatto oggi. Qui le curve sono quasi tutte a novanta gradi, quindi non puoi guadagnare molto tempo sul giro, ma essersi messi in mezzo alle Mercedes è un buon risultato. Con la penalità e la partenza dalla nona posizione, dobbiamo fare uno start pulito, stare attenti ed evitare possibili situazioni di caos. Penso che l'obiettivo realistico sia il quinto posto, ma ovviamente cercheremo di fare meglio. Sarà interessante vedere cosa succede con la Mercedes su una strategia diversa".