Prosegue la ristrutturazione dell’area tecnica in Renault. Dopo gli annunci di inizio novembre, l’addio con effetto immediato di Peter Machin e l’arrivo di Dirk De Beer, nuovo capo del dipartimento aerodinamica, nonché l’affidamento a James Rodgers del ruolo di capo aerodinamico responsabile dello sviluppo della prestazione, a Enstone annunciano un nuovo divorzio.

Dopo quasi 20 anni di carriera nella struttura del team lascia il direttore tecnico responsabile del telaio, Nick Chester. Una posizione nella quale è destinato a subentrare Pat Fry, nel corso del 2020.

“Mi sono goduto 19 anni in un team dal grande spirito e ho lavorato con un gruppo di persone talentuose e incredibilmente leali.

Leggi anche: Binotto, SF90 non all'altezza lavoriamo ai punti deboli

Mi preparo a una nuova sfida e auguro a tutto il team il meglio per il futuro”, ha dichiarato Chester, che dovrà osservare un periodo di gardening prima di iniziare la prossima avventura.

Nel 2005 il mass damper vincente

A Enstone, nell’allora Benetton, approda nel 2000, dopo le esperienze in Simtek nel 1994 e in Arrows dal ‘95 al ‘99. Da responsabile del gruppo di lavoro sulla dinamica del veicolo sviluppa il mass damper che sarà parte cruciale dei successi nelle stagioni 2005-2006; con il passaggio da Renault a Lotus, nel 2011 diventa direttore dell’ingegneria e, dal 2013, direttore tecnico.

Ocon: 'Voglio vincere, non lottare per un 7° posto'

“Nick ha rappresentato una componente cruciale a Enstone per quasi 20 anni. La sua passione per il team non si è mai indebolita, nonostante abbia vissuto momenti estremamente sfidanti.

Più di recente, il suo impegno, entusiasmo e visione tecnica sono stati d’ispirazione per passare dal fondo dello schieramento alle posizioni avanzate del metà gruppo. Vogliamo sinceramente ringraziare Nick per tutto e augurargli tutti i successi nella prossima fase della sua carriera”, ha aggiunto Cyril Abiteboul.