In mezzo a tanti rumours, accompagnati da relative smentite, c’è una Mercedes W11 che prende vita, un Bottas seduto all’interno dell’abitacolo, in fabbrica, per cucirsi addosso sedile e posizione ideale.

Sul piano tecnico, della nuova monoposto dovremmo scoprire un sistema di raffreddamento piuttosto diverso nella filosofia progettuale, scelte che si manifesteranno nel disegno delle pance. Raffreddamento, aspetto sul quale in Austria, lo scorso anno, la W10 soffrì le alte temperature.

Mercedes lascia la F1?

Verso l’inizio dell’attività in pista, il 19 febbraio prossimo, si procede con le indiscrezioni che circolano anzitutto intorno alla permanenza di Mercedes in Formula 1.

Secondo alcune ricostruzioni di stampa vi sarebbe la possibilità di un disimpegno diretto di Mercedes (salvo restare come motorista) e il subentrare del marchio Aston Martin, con l'essenziale appoggio finanziario garantito da Lawrence Stroll - accostato al marchio inglese con un investimento di 200 milioni di euro - e un ruolo ancora più rilevante di Toto Wolff, già azionista di Mercedes GP. 

L'accordo da raggiungere 

Esiste certamente una discussione in atto tra Mercedes e la Formula 1 sul ruolo e l’importanza che il nuovo accordo in sostituzione del Patto della Concordia in scadenza a fine 2020 dovrà riconoscere al team plurivincitore nell’era ibrida. Questione di benefici economici e di status. 

L’investimento sulla vetrina della Formula 1 si è detto più volte come, nel caso di un team vincente come è Mercedes, attivi un moltiplicatore in termini di immagine e pubblicità di gran lunga superiore ai budget impegnati, pur nell’ordine dei 400 e più milioni di euro.

Kallenius: 'Il futuro in Formula 1 e Formula E'

E con l’entrata in vigore del controllo sui costi, confermarsi vincenti avrebbe ricadute ancora più vantaggiose per la pubblicità globale ottenuta (le stime sono di un valore dei successi equivalente a investimenti di oltre 1 miliardo di euro in pubblicità).

La smentita dell'a.d. Daimler

In Germania, mentre si discute il futuro del Salone dell’auto organizzato dalla VDA, l’organizzazione dei costruttori d’auto tedeschi – futuro che sarà lontano da Francoforte e con un concept diverso, con la mobilità smart centrale ancor più dell’automobile – l’a.d. Daimler, Ola Kallenius, ha smentito le ricostruzioni di stampa sulla possibilità che  Mercedes lasci la Formula 1, avanzate da racefans.net e Autocar: opzione da discutere in un futuro incontro del board Daimler a febbraio. Da Berlino ha sinteticamente bollato come “non è vere”, le speculazioni circolate negli ultimi giorni.

Alonso: nessuno approfitta dei punti deboli di Hamilton