Il bilancio di 10 anni in Formula 1, di nuovo da costruttore in prima persona, per Mercedes è un elencare trionfi in serie. Gli inizi furono tutt’altro che facili, la competitività sporadica, i problemi legati alla gestione delle gomme, senza dimenticare le polemiche per un test, a Barcellona, che per certi versi fu di svolta. Poi, l’era turbo-ibrida e l’inizio del dominio.

Bottas: "Lewis vuole vincere? Il 2020 è la mia sfida"

L’alba del campionato 2020 vede il team favorito d’obbligo, tanto più in una stagione di continuità regolamentare. E stupisce registrare quante modifiche abbiano introdotto a Brackley sulla W11, rispetto al progetto W10, certo tutt’altro che poco competitivo. Serviva cambiare e, le ragioni, le ha illustrate James Allison.

Hamilton: "Non vedo l'ora di scendere in pista"

Passo dopo passo

A Toto Wolff, il compito di dettare ritmi, tenere alta l’attenzione del team e il rendimento. Così, se è scontato indicare il successo in un ripetersi, ancora, del titolo mondiale nel 2020, Toto analizza: “Il successo prende forma un passo per volta, oggi successo vorrà dire fare un buon shakedown, accumulare chilometri, dare ai piloti il primo feeling con la macchina - non avere problemi ai freni sarebbe bello (il riferimento è al contrattempo avuto nel 2019; ndr) - poi Barcellona è il prossimo passaggio cruciale: disputare dei test solidi, raccogliere dati, fare il lavoro che andrà fatto e arrivare a Melbourne in forma, è un percorso passo dopo passo”.

In pista concentrati sul 2020

Saranno 12 mesi da vivere in parallelo, tra la “cronaca” di un campionato che si deciderà in pista e la programmazione di uno, quello 2021, deciso dalle scelte compiute a Brackley e Brixworth. “Da una prospettiva generale è, per certi versi, un campionato su 2 anni, devi sempre considerare che esiste un bilanciamento di risorse. C’è un gruppo di persone che pensa alla macchina 2021 ed è concentrato, però per quanto ci riguarda, noi in pista, il team in pista, tutto è focalizzato sul 2020. Nel dare ai piloti il meglio che sarà possibile e renderlo esente da difetti, come l’esecuzione delle attività.

Allison, Mercedes W11 cambia in 3 mosse

Sarà molto importante trovare il giusto bilanciamento, non sarà semplice. La nostra ambizione è chiara, vogliamo essere competitivi sia nel 2020 che nel 2021. È una grande sfida, però, più sono grandi più ci piacciono.

C’è un’atmosfera molto serena e concentrata, sappiamo tutti che c’è un lavoro da svolgere e risultati da ottenere per far sì di centrare le nostre aspettative, stiamo lavorando sodo per prepararci nel miglior modo possibile".

Costruire il vantaggio sul 2021

"Il 2020 è una stagione di evoluzione dei regolamenti attuali e gli incrementi saranno ridotti, perciò servirà più tempo e impegno per continuare a migliorare la macchina. Dall’altra parte, le regole 2021 sono talmente diverse che hai bisogno di molto tempo per prepararti. Ogni mese di ritardo col quale inizi rispetto ai tuoi avversari farà sì che sia più difficile recuperare. Hai anche gli effetti del limite alle spese, avrai meno risorse disponibili da destinare alle cose nel 2021”.