Ieri la presentazione, in grande stile all’Hangar 7 dell’aeroporto di Salisburgo, oggi già in pista.

A Misano, l’AlphaTauri AT01 muove i primi passi per i canonici 100 km di filming day prima di iniziare a fare sul serio nei test invernali della prossima settimana, a Barcellona.

Kvyat la porta in pista

L’onere e l’onore dello shakedown è toccato a Daniil Kvyat: “Sono molto entusiasta di tornare a correre” ha dichiarato alla presentazione. “Team e macchina avranno un aspetto diverso, ma l'AT01 è praticamente un'evoluzione della STR14 dell'anno scorso, che ha già funzionato bene. Da questo punto di partenza, il nostro obiettivo è quello di migliorare e andare avanti il più possibile”.

Obiettivo top 5

Si parte con i piedi di piombo, ma una previsione di quello che il russo e la squadra hanno in mente, per gli obbiettivi personali e di gruppo, non è troppo difficile farla. “Per 10 volte sono andato a punti e a Hockenheim ho preso un podio. Il 2019 è stato un anno da ricordare, ma si può sempre fare meglio, quindi continuerò su questa strada per progredire come pilota e aiutare la squadra”.

Scuderia che, vista la base di partenza, potrebbe puntare alla top-5 in tutti i GP. “Considerando quanto sia serrata la lotta a centro gruppo - Dice prudente Daniil - Non è possibile prevedere quanto siamo migliorati rispetto agli altri. Quest’anno sarà spettacolare e vogliamo imporci come la macchina più forte della metà dello schieramento”.

Rapporto con Gasly

E come sempre nel motorsport, a tutti i livelli, il primo avversario da battere è sempre il compagno di squadra: “Pierre è un pilota competitivo e veloce, ovviamente mi aspetto sia molto vicino”.