Lewis Hamilton sta bene. Lo fa sapere lui stesso su Twitter dopo le speculazioni dei giorni scorsi, quando si era parlato dell'inglese posto in quarantena dopo alcune recenti uscite. Il 6 volte campione del mondo è a casa sua e dopo 17 giorni non ha manifestato alcun sintomo da COVID-19. E proprio per questo con un messaggio ha voluto mettere uno stop alle polemiche sul suo stato di salute nonostante il contatto con due persone positive al coronavirus.

Ufficiale, cancellato il Gp dell'Azerbaijan

Intervento su Twitter

A prendere la parola è stato lo stesso Hamilton con una lettera sul suo profilo ufficiale: "Ciao ragazzi, spero che voi siate in un buon momento, impegnati e in salute. Ci sono state alcune speculazioni sulla mia salute, dopo aver partecipato a un evento in cui c'erano anche due persone trovate poi positive al Coronavirus (vale a dire l'attore Idris Elba e la moglie del Premier canadese Sophie Gregoire-Trudeau). Voglio farvi sapere che sto bene e in forma e mi sto allenando due volte al giorno. Ho zero sintomi e adesso sono 17 giorni da quando ho visto Sophie e Idris; ho parlato con Idris e sono felice di sapere che stia bene. 

Nuovo Sterzi a Parte: Mario Andretti incita l'Italia

Ho parlato con il mio dottore e chiesto due volte se era necessario fare il tampone, ma la verità è che  c'è un numero limitato di tamponi e dal momento che non ho sintomi è meglio lasciarli a chi ne ha veramente bisogno, specialmente visto che io non ho sintomi manifesti del Coronavirus. Per questo mi sono isolato nelle ultime due settimane, dalla cancellazione delle Libere  e del Gp in Australia, e ho tenuto le distanze dalle persone".

Rosberg saluta l'Italia: "Forza, ce la faremo"

L'appello di Lewis

La lettera poi prosegue con un appello a seguire le norme:"La cosa più importante è che ognuno rimanda fiducioso, tenete le distanze più che potete, isolatevi se c'è bisogno, e lavatevi le mani con sapone ed acqua regolarmente per almeno 20 secondi. Grazie per tutti i messaggi, vi mando positività ed amore da qui. State in salute"

F1, Sticchi Damiani: "Il Mondiale si farà, probabile fine a gennaio 2021"